Testimonianza di Olga Campiglia di Scafati (SA)

Pace a tutti sono una pellegrina del gruppo di preghiera di Santa Maria la Carità, conosco Mamma fin da quando ero piccola, sono andata in pellegrinaggio per la prima volta con la mia custode (mia madre terrena) negli anni ’90, quando ero una bambina.
Ogni volta che sono stata ricevuta da Mamma nella Casetta delle Grazie, Mamma mi riempiva di Caramelle e io non capivo perché, in quanto non glieLe avevo chieste, non amavo neanche troppo le caramelle. Solo da grande ho capito che Mamma mi riempiva le mani di Grazie. Mi ha parlato tante volte e ricordo ancora le Parole ricevute durante quello che sarebbe stato l’ultimo Ricevimento per me. Sono Parole che lì per lì non capii perché me Le stesse dicendo, dato che si riferiscono ad eventi futuri che oggi ancora devono accadere. Ma Mamma sapeva che sarebbe stato il nostro ultimo incontro e mi ha lasciato la Guida per la strada che dovrò percorrere.
Sento la Presenza di Mamma Lucia ogni giorno nella mia vita e a volte mi dà la Grazia di vederLa in sogno.
Sono un’insegnante e i giorni prima di iniziare quest’anno scolastico in questo periodo così angosciante di dolori a cui Mamma ci ha a lungo preparati, ero in ansia perché temevo di potermi contagiare ed essere un rischio per la mia famiglia, prevedendo il mio lavoro il contatto sociale, nonostante l’uso di tutti i presidi di sicurezza. La sera prima del primo giorno di scuola in sogno a settembre 2020 mi compare il Santissimo Mantello di Mamma, mentre accompagna noi figli pellegrini nel pellegrinaggio all’interno della Santa Dimora di Dio sulla Terra, Casa Santa. Fluttuava andando avanti e indietro, il Corpo non c’era, ho riconosciuto solo Lo Spirito di Mamma e al risveglio ho capito che Mamma ha voluto rassicurare me e tanti altri con me del fatto che la Sua Santa Presenza e Protezione non mancano mai e il Suo Manto copre tutti i figli che a Lei si affidano, come una chioccia che mette a riparo sotto le sue ali i suoi pulcini per ripararli dalla tempesta.
Un’altra volta, sempre in sogno, ho visto Mamma Lucia chiaramente in Volto e in tutta la figura, seduta su un divano all’interno di una abitazione, dietro a un vetro. Poco accanto a Lei un Uomo molto alto e robusto, incappucciato e di spalle, vestito di sacco marrone, che riceveva uno ad uno tutti i pellegrini che vedevo in fila davanti a me. Ho visto Mamma salutarmi entusiasta mentre ero in attesa del mio turno. Una grande gioia al risveglio consapevolizzare di essere stata ricevuta in Spirito dal Padre e dalla Mamma.
Vorrei condividere con voi anche un’altra testimonianza per me molto importante.
Quando mi sono laureata, nel 2014, ho iniziato a lavorare il giorno dopo. Non ero ancora insegnante, era un lavoro che mi piaceva ma molto poco remunerativo. Mi andava benissimo perché era la prima esperienza e volevo imparare un mestiere, collegato al mio titolo di studi, ma in effetti offriva poco margine di crescita. Dico questo perché ero contenta di lavorare e non avevo chiesto a Mamma di farmi trovare un altro impiego.
Una notte mi venne in sogno Mamma e La vidi allestire un Altare nella mia stanza e poi dire Messa. Vidi il Calice dell’Eucaristia e Mamma che recitava le preghiere.
Con tono imperioso ma rassicurante, Mamma mi chiese se volessi lavorare tutta la vita gratuitamente o se volessi un lavoro che mi consentisse di mantenermi. Ovviamente io nel sogno, anche imbarazzata, risposi che preferivo la seconda opzione. Mamma rispose di non preoccuparmi. Ebbene, pochissimo tempo dopo, uscì l’opportunità di un concorso che mi permetteva di accedere al titolo dell’abilitazione all’insegnamento e di conseguenza la speranza di poter insegnare. Collegai subito il sogno agli eventi che mi stavano accadendo e dinanzi ai miei occhi peccatori il realizzarsi di ciò che Mamma era venuta a portarmi in sogno.
Andai a sostenere tutte le prove molto tesa, perché la mole di studio era tanta, avevo studiato ma nonostante ciò ero consapevole di non poter conoscere bene tutti gli argomenti.
Superai la prova preselettiva per il rotto della cuffia, grazie soltanto alla Mamma che così Voleva, mentre nelle prova scritta e poi orale, tutte e due a distanza di settimane, uscirono, sempre e soltanto grazie a Mamma che stava spianando la mia strada, tra le varie tracce possibili, rispettivamente due argomenti che conoscevo benissimo.
In occasione della prova scritta, la mia custode telefonò a mia insaputa a Casa Santa, perché sapeva che ero molto agitata. La Santa Sorella che rispose al telefono disse di dirmi che dovevo stare tranquilla perché Mamma era sempre con me. La mia custode mi telefonò per dirmelo e in quel momento l’ansia svanì.
La traccia della prova scritta fu sorteggiata al momento. L’insegnante lesse quella estratta e anche le altre scartate. Sentii di nuovo la Presenza di Mamma poiché la traccia su cui dovevamo scrivere la conoscevo bene, mentre delle altre tracce non avrei davvero saputo cosa scrivere.
Qualcuno parla di fortuna, di caso, specialmente tra noi giovani, ma io so che non si tratta di questo ma della Santa Presenza di Mamma Lucia che guida i Suoi figli in ogni circostanza della vita.
Una cosa simile mi capitò anche all’orale. Nel momento in cui mi sedetti all’esame orale davanti alla commissione, sorteggiai la traccia che avrei dovuto commentare in quello stesso momento. Appena la aprii e lessi che si trattava di un argomento che conoscevo in maniera approfondita, sorrisi, guardai la commissione sicura che sarebbe andata bene perché capii che Mamma era lì e mi teneva per mano facendomi superare anche questa prova.
Così conseguito il titolo di studio a distanza di pochissimo tempo, per la Santa Grazia che mi aveva portato la Mamma, potetti accedere al concorso ministeriale e ottenere subito la messa in ruolo.
Voglio raccontare tutto questo e ci sarebbe ancora molto altro da dire che non basterebbe un sito intero, perché spesso chiediamo e chiediamo e il Padre ci accontenta, ma anche quando non chiediamo Mamma sa cosa ci serve e ci indica Lei la strada e ci accompagna nel percorso. Certo, ci vuole l’impegno terreno sempre; non si può pensare di ottenere un obiettivo senza l’impegno ma da solo non basta, ci vuole la Benedizione di Mamma che non ci manca mai se ci affidiamo a Lei con Fede.
Un saluto affettuoso a tutti i Fratelli e Sorelle di Casa Santa, che pregano incessantemente per noi.

Testimonianza di Lella Muroni di Quartucciu (Cagliari)

Pace fratelli e sorelle di tutto il mondo sono Lella Muroni di Quartucciu Cagliari, desidero condividere con voi la Grandezza di Dio Padre e della nostra Mamma Lucia. Il giorno 16/12/20 mi recai in ospedale per l’asportazione di un fibroadenoma al seno, mi misi subito sotto la Santa Protezione di Mamma Lucia affidandomi a Lei. Avrei voluto evitare questo intervento, sia per la mia patologia che vi ho descritto già in altre testimonianze e sia per l’allergia che ho per gli anestetici e a quasi tutti i farmaci, per cui dovrei evitare ospedali e tanto meno operazioni. Questo però non è stato possibile evitarlo quindi entrai in reparto alle ore 8, qui mi aspetta una lunga attesa, il tempo passava ed io continuavo ad invocare la Mamma pregandoLe di fare Lei l’intervento e dicevo:” MAMMA SEI TU IL MIO PRIMARIO”. Mentre ero assorta nella preghiera voltai lo sguardo a destra e vidi una forte Luce illuminare la stanza, capì subito che Mamma era lì accanto a me. Finalmente alle ore 18 mi portarono in sala operatoria, mi fecero sostare in una pre-sala e mi accorsi che davanti a me vi era un’immagine di “Gesù Confido in Te”, lì mi si aprì il cuore e dissi: “GESU’ L’INTERVENTO FAMMELO TU INSIEME ALLA MAMMA”. Di lì a poco vidi avvicinarsi alla mia sinistra un Ragazzo di circa 18\20 anni vestito da medico che mi sussurrò queste parole: ” SONO L’AIUTO ANESTESISTA AMADIO”. Pensai AMADIO? ma che bel cognome, e stranamente anche se lo avevo pensato e non detto Lui mi sorrise come se avesse ascoltato il mio pensiero. Mentre stavo ancora fuori in attesa mi accorsi volgendo lo sguardo a sinistra che Lui si tolse la cuffia e si accarezzò i capelli ondulati e i suoi occhi erano azzurro cielo, rimasi stupita dalla Sua bellezza, (capì soltanto dopo chi mi degnava della Sua Presenza). Di lì a poco mi mise il saturimetro al dito indice sinistro dove avevo un fastidiosissimo piccolo nodulo formatosi da una vecchia cicatrice fatta da bambina, (che al risveglio dell’operazione mi accorsi di non avere più, era scomparso), poi mi aiutò nella preparazione della mia tanta temuta Anestesia rassicurandomi con dolcezza. Da qui venni portata in sala operatoria e non ricordo più niente fino a quando non mi risvegliarono dall’anestesia e mi confermarono che tutto era andato benissimo, e nell’uscire per tornare in reparto fui accompagnata da un forte profumo di Gigli, Rose, Incenso e Crisma, ebbi la conferma ancora una volta che Mamma era con me e non mi aveva lasciato sola durante l’operazione. Arrivata in stanza fui inondata da una sensazione di Pace e Amore, e durante la notte sentì chiaramente queste Parole dalla VOCE DI MAMMA LUCIA : “OGGI SI E’ UNITO L’OSPEDALE DEL CIELO ALL’OSPEDALE DELLA TERRA PER TE”. In seguito parlando con una sorella in Spirito del mio gruppo di preghiera mi fece notare che tutto ciò che avevo vissuto veniva dall’Alto. Il giorno 16 prima di entrare in ospedale avevo chiamato la Santa Sorella di Casa Santa che mi aveva detto queste parole: ” Mamma ti sta vicino e non ti abbandonerà ed entrerà a porte chiuse per tutte le persone che in questo giorno ne hanno bisogno, e in Spirito Anima e Grazia Mamma ti Soccorre”. Ecco Fratelli e Sorelle questa è la mia Testimonianza, capii soltanto dopo che quel Ragazzo che era alla mia sinistra Giovane, con Occhi Azzurri, Capelli Ondulati, con quel Cognome particolare AMADIO che mi trattò con tanta dolcezza, e con il Suo Soave Sorriso mi donava pace e serenità, e che non più rividi sia dopo l’operazione e neanche più il giorno seguente, altri non era che IL MIO GESU’ che insieme alla nostra MAMMA mi avevano assistito e operato attraverso le mani del Chirurgo. Ed ancora, una volta arrivata in stanza, la scoperta di quel segno tangibile di non aver neanche più quel fastidiosissimo piccolo nodulo al dito indice sinistro, dove il Ragazzo (GESU’) mi aveva messo il saturimetro. Capì anche che la Luce nella stanza i Profumi che mi accompagnarono dopo l’operazione, erano il Frutto della Presenza di Mamma e di Gesù. Concludo ringraziando Dio Padre, e Mamma Lucia per non avermi mai abbandonata nel corso della mia Vita, che questa testimonianza possa avervi fatto capire chi è Mamma, finisco con l’abbracciare con tutto il mio cuore tutti i Fratelli e Sorelle di Casa Santa che porto sempre con me, vostra Sorella e Figlia Lella. GRAZIE MAMMA, GRAZIE GESU’.

Testimonianza di Gloria Martinetti di Novara

Pace a tutti, sono Gloria del gruppo di preghiera di Novara, volevo portare alla luce la Grandezza che la nostra Mamma Celeste nella Sua immensa Bontà ha voluto concedere alla mia famiglia.
Il 19 settembre di quest’anno il mio custode mentre si trovava nel bosco per funghi, si è sentito mancare ed è caduto per diversi metri finendo nel letto di un torrente, dopo essersi riavuto ha camminato per quasi un km per arrivare a casa e da lì portato subito al pronto soccorso. Li venivano riscontrate fratture multiple a tutte le costole della parte destra, perforazione del polmone destro, rottura dei legamenti del ginocchio destro e rottura del perone gamba destra. I dottori diagnosticarono che non avrebbe passato la notte, decisero così di trasferirlo all’ospedale di Novara presso il centro pneumatologico. Grazie all’intervento della Mamma passa la notte e due giorni dopo viene riportato all’ospedale di Verbania, più vicino a casa, dove rimarrà nel reparto di rianimazione sedato e intubato per 3 settimane, causa il dolore delle tante fratture, qui subentra un’infezione nel sangue che causa febbre alta. Grazie alla Mamma che interviene ancora, inspiegabilmente sotto lo sguardo incredulo degli stessi medici, l’infezione sparisce e iniziano a togliere il drenaggio al polmone e diminuire la sedazione. A metà ottobre viene trasferito all’ospedale di Domodossola, perché l’ospedale di Verbania é messo a disposizione dalla regione per i malati di covid. A Domodossola dopo qualche giorno di smarrimento, finalmente il 1 Novembre riesce a mangiare e a parlare.
Il 18 Novembre, visti i progressi inaspettati grazie sempre alla Mamma, viene trasferito in un centro di recupero neuro muscolare per la riabilitazione, il 23 dicembre viene dimesso in buono stato di salute.
La Mamma ancora una volta interviene col Suo Santo Pronto Soccorso nella nostra famiglia, nella Sua immensa Bontà non ci abbandona mai è sempre al nostro fianco e ci accudisce in ogni nostro bisogno e necessità.
Grazie Mamma Lucia.

Testimonianza di Fabio Curci di Bari

Pace a tutti fratelli e sorelle, mi chiamo Fabio Curci e sono un pellegrino del gruppo di preghiera di Bari.
Vorrei condividere con tutti voi una delle tante manifestazioni della nostra adorata Mamma, che non ci lascia mai soli, soprattutto in questo momento di grande dolore per l’umanità.
Era il giorno nove novembre 2020, come ogni sera io e la mia compagna ci eravamo messi in preghiera come la Mamma ci ha insegnato, e dopo esserci fatto il Segno della Croce iniziammo con dei piccoli libricini per poi giungere al “Santo Ristoro di Luce e Pace per le Anime Sante”, nel momento in cui ho aperto il libricino iniziai a leggere le prime parole e tutto era normale, come sempre, poi quando ho aperto la pagina in cui c’è l’immagine della nostra Mamma fui travolto da un Profumo di rose molto intenso, il Profumo della Mamma, e in quel momento mi sono fermato nella lettura perchè era troppo forte quel dolce Profumo di rose al punto di chiedere alla mia compagna, che era di fianco a me se anche lei avesse avvertito quel Profumo, ma lei rispose di no. In quel momento ho pensato tra me che poteva essere una mia sensazione, ma in cuor mio sapevo che la Mamma era lì con noi e continuai nella lettura e nella preghiera, pero’ ogni tanto mi fermavo per sentire se c’era ancora quel Profumo ma non sentivo più niente. Arrivati quasi alla fine dell’Ora Santa ci alzammo in piedi per recitare il Credo di Maria, e per puro caso guardai di fronte a me dove c’è un mobile su cui abbiamo messo una foto della Mamma e visto che eravamo entrati nel mese di novembre, dove tutte le Anime Sante hanno il permesso di scendere sulla terra, anche una foto più piccola del mio custode, il quale ora si trova su dal Padre e proprio quel giorno ricorreva il giorno della sua nascita.
Nel guardare la foto del mio custode ho visto in un angolino in alto sulla foto apparire
all’improvviso un puntino di Luce e sparire velocemente, di nuovo ho pensato che era una mia sensazione o altro, quindi spostai lo sguardo in un altro punto della stanza e ritornai di nuovo a guardare la foto della Mamma e quella del mio custode, perchè erano vicine, e di nuovo all’improvviso il puntino di Luce è apparso e scomparso, è da precisare che noi eravamo quasi al buio, c’era solo una candela accesa e la lucina del presepe, e non poteva essere un riflesso perchè il presepe è posizionato dalla parte opposta al mobile, circa quattro metri.
Finita la preghiera rimasi in silenzio per meditare su ciò che era successo e poi chiesi
nuovamente alla mia compagna se avesse visto o sentito qualcosa durante l’Ora Santa e lei rispose di no, però in quel momento prese in mano il libricino dove avevo sentito il Profumo di rose e quando anche lei arrivò alla pagina dove c’è la foto della Mamma, fummo avvolti tutti e due da quel meraviglioso Profumo. La cosa che più ci ha colpito è che il Profumo di rose si sentiva solo dove c’è l’immagine della Mamma, nelle pagine successive non si sentiva niente e neanche su gli altri libricini vicini ad esso.
Fratelli e sorelle quel Profumo di rose dove c’è la foto della Mamma, ci ha accompagnato per tutta la Santa settimana, la Mamma è sempre con tutti noi non ci abbandona mai, non ci fa mancare nulla perchè per Lei siamo preziosi, e come diceva la Mamma: Figli nessuno vi Ama più di Me e se qualcuno ve lo dice vi sta mentendo. Quindi restiamo uniti nello Spirito come la Mamma Vuole, perchè solo così possiamo sconfiggere le tentazioni e cercare quel Pentimento Vero e Sincero che il Padre Nostro Vuole.
Grazie, Grazie, Grazie Mamma per il Tuo Immenso Amore.
Un abbraccio forte a tutti i fratelli e le sorelle della Dimora di Dio e a tutti fratelli e sorelle del mondo.

Testimonianza di Claudia Cassano di Lecce

Pace a tutti fratelli e sorelle, sono Claudia Cassano e faccio parte del gruppo di preghiera di Lecce. Sentivo tanto parlare di Mamma Lucia ma per me era un periodo difficile e buio, quasi non credevo più a niente. La Grandezza di Mamma l’ho conosciuta in ospedale ad Ancona nel lontano 1988, mentre ero con il mio piccolino, si è presentata da infermiera, dove mi ha coperta, protetta accarezzata, tirato su il morale poiché ero a pezzi e poi è sparita. Era in Spirito e chi ha conosciuto Mamma, sa bene che Lei è dappertutto pronta a proteggere chi ne ha bisogno. Grazie Dio Padre che mi hai dato la possibilità di varcare i Santi Cancelli di Casa Santa ed incontrarLa. Questa è stata per me la mia prima Grazia ricevuta: abbracciare Maria che mi ha fatta Rinascere a Nuova Vita. È inspiegabile cosa si prova ma, oggi lo dico con tanta umiltà, credo che ogni figlio, anche il più lontano dal cuore di Dio non può fare a meno di inginocchiarsi di fronte a tanta Grandezza. Dalla prima volta non ho mai più abbandonato Questo Santissimo Cammino Spirituale o, per meglio dire, Mamma non ha mai abbandonato me, così come non abbandona nessun figlio, neanche quelli che non hanno avuto la grande gioia di conoscerLa, poiché, nel Suo Cuore, siamo tutti Suoi figli. Mamma viene ancora umiliata, derisa, calunniata ma, Lei, in silenzio, continua ad Amare tutti allo stesso modo e a dispensare Grazie strappandole al Padre. Personalmente ne ho ricevute tante di Grazie e vi racconto di quella ricevuta il 20-6-2020. Avevo il Santo Diario di Mamma appoggiato come sempre sul mio comodino nella mia camera e, dato che in casa siamo solo in due, io e il figlio che il Padre e la Mamma mi hanno donato da custodire, nessuno poteva toccarlo dal posto dove lo metto sempre, ma quella mattina, volgendo lo sguardo, notai che il Santo Diario era stato spostato e messo in piedi appoggiato alla statuetta di S.Rita sul comò. Rimasi un po’ così… ma, conoscendo Mamma, guardai il Suo quadro che avevo di fronte e dissi: “Sarà un Tuo segno? Mamma cosa mi vuoi dire? ” E’ sì che era un segno!” Infatti, entrato in casa mio figlio, chiesi subito se avesse spostato lui il Santo Diario della Mamma dal mio comodino sul comò. Dopo avermi detto di non essere stato assolutamente lui, mi disse di non sentirsi bene. Notai che sudava, tremava, e dopo essersi ripreso un po’ , mi disse che andava dal medico per farsi controllare, intanto il mio pensiero corse subito alla Mamma e mi misi a pregare e ad invocarLa. Vero, avrei dovuto chiamare subito Casa Santa, invece ad alta voce, rivolgendomi alla foto della Mamma dissi: “ Mamma non chiamo, non voglio tenere la linea occupata, magari altre creature hanno più bisogno, Mammina pensaci Tu”. Così continuai ad invocarLa e a pregare, ma dentro di me sentivo una Voce che mi sussurrava dicendomi: “Chiama, chiama”, per due volte. Intanto mio figlio tornò a casa e mi disse che avrebbe dovuto seguire una terapia e in seguito sottoporsi ad un’incisione in ospedale. Si mise a letto, stava male, peggiorava sempre più, e mentre io pregavo supplicando il Pronto Soccorso della Mamma, ecco ancora quella Voce: “chiama”. Destatomi dallo stupore di Quella Voce, corsi a telefono e Chiamai Casa Santa e alla sorella di Santità che mi rispose raccontai tutto, dicendole il motivo per cui evitavo di chiamare e chiedendo una piccola preghiera per mio figlio, e lei con la sua dolcezza, mi rispose con tono amorevole: “Tranquilla sorella, tranquilla, lo metteremo nelle nostre preghiere”. Ringraziai per la bellissima risposta ricevuta e chiusi. In quel momento dalla camera di mio figlio sentii dei rumori, entrai e qui mi ritrovai dinanzi alla Grandezza di Mamma. Chiesi a mio figlio che si era alzato dal letto come si sentisse, e lui: “ Bene! Strano ma, non mi sento niente più!” Mi avvicinai al letto, guardai e…sul lenzuolo dov’era poggiato, vidi del sangue misto a pus. (Quello che non ho detto ancora è che aveva un ascesso perianale). Credetemi, neanche per un attimo mi sono scoraggiata, sentivo forte la Presenza di Mamma accanto a me e, alzando gli occhi al Cielo dissi: “Che Grandezza Sei Mamma!”  Mio figlio stupefatto mi chiese cosa fosse accaduto e, ancora incredulo che gli era passato ogni sintomo, gli feci vedere sul letto il male che lo stava affliggendo. Lui non credendo ai suoi occhi, rimase estasiato in un meditato silenzio. Stava proprio bene, tanto che destatosi dalla meraviglia di ciò che era successo corse dal medico, che, ben conoscendo il mio Cammino Spirituale, gli disse: “Ma che Santo hai in Paradiso?” e insieme gioirono per l’immediata guarigione. Il giorno dopo chiamai a Casa Santa, mi ritrovai a parlare con la sorella di Santità del giorno prima e le raccontai tutto, ed insieme gioimmo per l’Amore infinito della nostra Mamma che non smetterò mai di ringraziarLa per tutta l’Eternità. Ecco fratelli e sorelle che ancora non avete conosciuto Mamma e restate scettici, questo è il Suo Grande Amore. Lei non chiede altro che di proteggerci, di amarci, di ristorarci e curare le nostre ferite. Lei è la nostra medicina, il nostro primario e alle Sue suppliche Dio Padre non sa dire di no. Se fosse stato svelato il terzo segreto di Fatima, la venuta di Maria sulla terra, l’Apparizione a Sesto S. Giovanni, forse oggi il mondo non sarebbe sopraffatto da tanto dolore. Ma ancora Mamma ci chiama, Lei è l’Unica che può portarci alla Salvezza, amiamoLa, invochiamoLa, Lei è Colei che E’ e Sarà sempre, Lei è la Donna Vestita di Sole, la Stella che brilla alta sul Gargano. A Casa Santa troviamo la Fonte delle Grazie riposta da Dio Padre nelle Sante Mani di Mamma Lucia, troviamo il Signore, la Luce, la Pace, l’Amore della Madre e per chi non può arrivare basta invocarLa, siamo i fiori del Suo meraviglioso Giardino. Solo Lei ci dona il Vero Amore. Grazie Signore! Un forte abbraccio va a tutti i figli di Santità. Grazie a Te Dio Padre, grazie Mamma, Regina e Consolatrice di ogni cuore, dai Tuoi figli Davide e Claudia❤🌹🙏

Testimonianza di Giuseppe D’Angelo

All’improvviso mi ritrovo in un posto sconosciuto ma tanto particolare e bello; c’è tanto verde, si respira aria pura e pulita. Tutto d’un tratto ascolto una Voce in lontananza che sembra fuoriesca da un altoparlante; è una Voce calma, calda, tanto dolce e soave. Attratto dalla Voce e non capendo cosa stesse dicendo mi avvicino a LEI. Man mano che mi avvicino alla Voce mi sembra sempre più di riconoscerLA, mi guardo intorno e l’ambiente mi sembra già visto e conosciuto: sono nella Terra Santa, nella Dimora di DIO; la Voce è quella di MAMMA LUCIA. La mia curiosità si trasforma in gioia e sempre più felice mi avvicino per ascoltarLA meglio e capire ciò che dice. Continuo a non comprendere le parole ma ad un tratto ecco che giunge chiaro un messaggio: PREGA FIGLIO MIO, PREGA ALLA MAMMA CHE SA A CHI PORTARE E PRESENTARE LA TUA PREGHIERA. PREGATE, PREGATE, PREGATE.

Testimonianza di Ciro Di Vuolo di Scafati (Salerno)

Pace a tutti sono Ciro Di Vuolo di Scafati (Salerno), sono qui che vi scrivo per Lodare e Glorificare sempre più forte la Grandezza della nostra adorata Mammina della Luce che ha avuto pietà di questo misero peccatore donandogli la Grazia della vita.
Il giorno 07/07/2020 alle ore 13:00 sono uscito da lavoro per recarmi, con la mia bici, a casa per la pausa pranzo essendo il mio lavoro situato a Scafati nel mio stesso paese di residenza, lavoro donatomi sempre per Grazia ricevuta dalla Mamma.
Infatti, appena proclamata la pandemia l’11 di marzo, licenziato senza motivo il 14 dall’azienda che era ricorsa alla clausola dei tre mesi di prova previsti dal contratto indeterminato stipulato a dicembre, in quei giorni come faccio sempre avevo chiamato Casa Santa per salutare la Dimora di Dio e la Santa sorella che mi ha risposto confortandomi per il momento terribile che stavamo vivendo per la pandemia, mi chiese se stessi a lavoro, le risposi che ero stato licenziato e lei immediatamente mi disse di non preoccuparmi perché ci avrebbe pensato sempre la Mamma. Infatti, Mamma è immediatamente intervenuta, ed in piena pandemia dove tutto crollava, mi ha fatto arrivare una notifica sul mio telefonino di un’azienda del mio paese che cercava una figura che svolgesse la mia professione. Immediatamente ad aprile sono stato assunto e dal nuovo datore di lavoro ho appreso che la richiesta a cui avevo risposto era molto vecchia e lui stesso era meravigliato di come mi fosse pervenuta ora, ma io in cuor mio conoscevo la risposta, la Mamma di tutte le Grazie, nell’Immenso suo dolore nel vedere i frutti raccolti da un umanità distrutta dal proprio peccato, aveva avuto tempo per pensare a questo Suo figlio peccatore donandogli nuovamente un posto di lavoro.
Erano tre giorni che avevo deciso di non prendere la macchina per andare al lavoro e di recarmi in bici visto le buone giornate d’estate. Non nego che in questi 3 giorni dentro di me una Voce mi sussurrava di stare attento perché sulle strade succedono tante sciagure, così durante il tragitto da casa a lavoro mi affidavo come sempre alla Mamma affinché accompagnasse il mio cammino e recitavo le preghiere d’Amore che la Mamma ci ha insegnato.
Il giorno 7, uscito da lavoro come citato sopra, facendo il segno della Santa Croce e con la preghiera della Mamma sulle mie labbra, mi sono messo in bici per tornare a casa per la pausa pranzo, compiuti appena 800 metri dal posto di lavoro, un Ape car a tutta velocita, proveniente da una strada laterale, guardando solo sul suo lato sinistro, svoltava a pieno gas a destra sulla via principale prendendomi inesorabilmente di colpo frontalmente senza aver avuto il tempo di frenare. L’impatto è stato violento, la bici è andata a finire sotto all’Ape car ed io ho battuto fortemente la testa sulla sponda alta dello stesso scaraventandomi a terra. Immediatamente senza accorgermi, mi sono ritrovato in piedi, frastornato in una maschera di sangue che colava dalla mia fronte, chiamavo aiuto rivolgendomi al conducente dell’Ape car che fatto una piccola retromarcia per togliersi da sopra alla bici, si è dato alla fuga. Sembrava che sognassi e vivessi un incubo, barcollavo appoggiandomi su di una transenna che delimitava un vecchio palazzo in restauro e continuavo a chiedere aiuto spostandomi dalla faccia un liquido caldo che mi copriva tutto il viso, era il mio sangue che sgorgava abbondantemente. Sono accorse alcune persone da un cortile vicino dove avevano sentito il forte rumore dell’impatto, mi hanno fatto sedere su di una sedia e coperto la testa con una asciugamani sulla profonda ferita grondante di sangue. Ero sorprendentemente sempre desto e sempre più lucido da chiamare subito con il mio cellulare che avevo nel marsupio ancora a tracollo, Casa Santa raccontando il tremendo avvenimento in corso, poi chiamando la mia compagna affinché mi raggiungesse sul posto dove attendevo l’arrivo dell’ambulanza. Circa 10 minuti dopo è arrivata l’ambulanza che mi ha portato all’ospedale di Nocera Inferiore, il medico sia del 118 che poi del pronto soccorso erano increduli per la dinamica dell’incidente e mi continuavano a chiedere come mi sentivo e se accusavo dolori alla testa o al corpo, ma io niente, non accusavo nessun tipo di dolore. Dopo la cucitura con 8 punti della ferita, mi hanno fatto tutti gli esami strumentali: eco addome e tac; grazie a Mamma è andato tutto bene. Così, con un trauma cranico e lacerazione frontale, con una frattura di un incisivo, con i vestiti pieni di sangue sono stato dimesso senza accusare nessun dolore. Il giorno seguente sono andato con la mia compagna sul posto per ascoltare i testimoni e recuperare la bici distrutta. Le persone che mi avevano soccorso il giorno prima, accorati manifestavano le loro impressioni di essere stati testimoni di un grande Miracolo perché per loro, per la dinamica dell’incidente e per come avevo battuto la testa, dovevo avere una sorte molto diversa che non ho avuto grazie alla mia Madre Celeste che aveva tramutato una sicura sciagura in una delle Sue Grandissime Grazie. Grazie che Lei elargisce tutti i giorni ed in ogni momento ai figli nel bisogno e che a Lei si affidano.
Grazie Mamma, quel momento me l’hai fatto vivere tutto come se non fossi io ad essere stato investito, mi hai mantenuto cosciente dal primo istante rimettendomi immediatamente in piedi e facendomi uscire tutto quel sangue che se fosse rimasto internamente, per la fortissima botta presa, avrei avuto una sicura emorragia interna. Mi hai protetto la testa facendola diventare un blocco di acciaio che pur avendo subito il tremendo impatto non ha avuto nessuna conseguenza inesorabilmente grave. La profonda lacerazione, Miracolosamente è avvenuta a pochissimi centimetri dalla tempia e dall’occhio, posizioni letali per l’intensità dell’impatto avuto. Si è fratturato il dente davanti, l’incisivo, senza che né il labbro, né il naso, né la faccia avesse un solo graffio, non so come sia possibile, ma ancor di più non mi hai mai fatto accusare neanche un minimo dolore di testa dopo questo trauma cranico. Mi hai fatto scudo con il Tuo Santissimo Manto facendomi uscire da un tremendo incidente frontale con la bici, senza nessuna lesione grave e senza alcuna frattura.
Cari fratelli e sorelle, Eccola l’Immensità di Dio che ha camminato in mezzo a noi e che continua inesorabilmente a stendere il Suo Santissimo Manto Celestiale per proteggere tutti i figli dai continui attacchi da parte del nemico antico che perditore dinanzi alla Potenza della Donna Vestita di Sole, invano attacca il Frutto della Gloria di Dio che con la Sua Immensa Potenza si pone a protezione dei figli Suoi che nulla hanno da temere perché Cullati e protetti dal Cuore Immacolato di Maria Lucia. Grazie Madre Mia Santissima, senza di Te saremo tutti finiti, ma il Tuo Cuore di Madre strappa continuamente Grazie al Padre nostro Creatore che pieno di Amore e Gioia è sempre pronto e felice di accontentare la Sua Sposa e Madre e salvare i figli della Sua Creazione. Fratelli e sorelle di tutto il mondo, vi esorto con tutto il cuore ad innamorarvi di Colei che ci è Vera Madre e che per nostra Salvezza è voluta scendere Lei in Persona sulla terra per preparare i figli per questi ultimi tempi. Lei è la Vita ed il Respiro della nostra Anima, non si può vivere e né salvarsi senza di Lei, solo Lei è la Chiave per aprire la porta del Cuore di Dio per far scendere il Perdono del Padre e ridare nuova vita a questa umanità distrutta dal peccato. Amiamola con tutte le nostre forze, Lei nel Silenzio segue ogni nostro passo e prima che possiamo chiamarLa in nostro Soccorso, Lei già è arrivata con la Grazia nelle Sue Sante Mani.
La Grazia, che Lei continuamente elargisce a tutti i Suoi figli, ha bisogno che trovi quel gancio per attaccarsi e fiorire “LA FEDE”, chiediamo sempre a Lei che è Madre della Fede di infiammare i nostri cuori del Suo Immenso Ardore d’Amore di Dio, in modo che tutti possano godere delle Sue Santissime Grazie e non farle ritornare al Padre, divenendo così, nell’ora del nostro ritorno a Dio, prove della nostra grave mancanza di fede. L’uomo nei dolori ha sempre incolpato il Padre che è Solo Amore per i figli, ma è la nostra gravissima mancanza di fede e di amore verso Dio Padre e Dio Madre che permette al nostro peccato di colpirci, sono solo i nostri peccati, ecco perché la Mamma si strugge invocando e supplicando i figli di tornare all’Amore del Creatore che ci è Vero Padre e che continuamente è crocifisso, sacrificandosi insieme a Lei Sua Dilettissima Sposa e Madre nostra che tutta si è consumata per noi, solo per la salvezza dei figli.
Mamma tenerissima Ti Amo, Ti ho sempre Amata e per tutta l’eternità voglio solo Amarti, Glorificarti e Lodarti, chi non crede al Tuo grande Amore è solo un pazzo e cieco, per questo il mondo se ne va’ perché sono tanti i pazzi e i ciechi che al Vero Amore preferiscono le tenebre del proprio peccato e la morte eterna. Io voglio essere solo pazzo di Te Mammina dolcissima e del Padre nostro Creatore che ci hai insegnato ad Amarlo con tutte le nostre forze, solo così non si è mai pazzi ma figli della Gloria di Dio, figli della Luce, il Popolo di Maria che insieme a Lei, Regina delle Vittorie, sconfiggeranno la morte e il peccato.
Con infinita gratitudine e Amore, Tuo per l’Eternità, Ciro del gruppo di preghiera di Santa Maria la Carità.

Testimonianza di Vincenzina Poli di Ascoli Piceno

È mezzanotte del 19/07/2020,  è il mio compleanno, sono arrivata ai miei 60 anni e non so perché ma mi sento emozionata, forse perché ripenso a te mia custode che non ci sei più, oggi il mio ricordo va a te quando mi raccontavi le sofferenze nel darmi alla luce e la grazia ricevuta per aver scelto di partorire in ospedale e non in casa, dove probabilmente non saremmo sopravvissute per le complicazioni avute.
Ma ancor di più.. Il mio pensiero va a Te… Padre e Madre Celesti… Per avermi donato la Vita e non una ma tante volte!!
Quante volte, infatti, ho rischiato la vita e Voi Siete Stati sempre al mio fianco per aiutarmi.
Ricordo benissimo quella sera che Vi ho visto a casa: mentre ero alla guida per tornare nella mia abitazione ho avuto un mal di testa forte e tanta confusione, poi non ricordo più nulla e non so, né dove ho vagato, né dove ho lasciato la macchina, mi sono trovata a casa senza capire cosa facevo, mi sono seduta quasi cadendo sulla poltrona e mi sentivo come una candela che si stava spegnendo… Vedevo davanti al tavolo Tre persone vestite di bianco che mi guardavano ed io le chiamavo per nome.. Mamma Lucia, nonna, mamma Livia (la mia custode). Loro mi guardavano ed io ripetevo il loro nome mentre le mie figlie mi dicevano che non c’era nessuno davanti a me, ma io insistevo incredula che non riuscissero a vederLe!
Poi arrivò il 118 e fui ricoverata diversi giorni in ospedale, ma il mio pensiero era rimasto a casa dove vedevo sempre queste tre donne vestite di bianco…
Quante volte mi hai salvata Padre mio, quante Grazie ho ricevuto da Voi tramite Mamma Lucia, la più grande Grazia è averTi conosciuta Mamma, a volte non mi rendo conto, perdonami Mamma, per tutte le volte che Ti trascuro, quante cose ci hai insegnato, Sei la Maestra e la Guida più Grande che ci sia, ogni Tua Parola oggi è impressa nella mia mente, grazie Mamma!!!
Oggi desidero tanto abbracciare la mia custode e i miei nonni, Mamma pensaci Tu per me, ma il mio più grande desiderio è di tornare a Casa Santa, Unico Luogo di Pace, Fratellanza e Preghiera, dove si vedono le stelle più luminose, si ode il canto degli uccellini in mezzo ai Pellegrini e si gioisce nel Sorriso e nell’Amore dei Fratelli e Sorelle di Casa Santa, ci si Ristora del Profumo del Santo Pane e della dolcezza dei biscotti e quella Musica… Che le sorelline offrono a noi con il violino intonando l’Ave Maria, oggi Mamma io la offro a Te!!! Grazie Mamma della Vita, Mamma dell’Amore, Mamma Luce!! Tua Figlia Vincenzina di Ascoli Piceno

Testimonianza d Giuseppe Bonanno e Melina Raffa di Novara

Pace a tutti fratelli e sorelle del mondo, sono Bonanno Giuseppe del gruppo di preghiera di Novara.
Tenerissima Mamma Lucia, si avvicina la festa che il mondo cristiano dedica a Te, la Madonna del Carmelo; il Cielo festeggia la Regina, il gaudio celeste giunge fino sulla terra e le Anime dei figli timorati di Dio vengono accarezzate e nutrite dal Balsamo Celeste.
Io come tutti gli uomini della terra sono figlio Tuo; in questi giorni, la mia Anima mi stimola a darTi lode più di quanto solitamente faccio; Ti prego e Ti invoco in continuazione, è un modo di dirTi “grazie” per tutto ciò che mi elargisci; mi hai educato alla Fede in Dio Padre Onnipotente; hai messo, dentro la mia Anima una pianticella verde, e so quanto desideri che io nella pratica della Tua Scuola Celeste, la faccia crescere rigogliosa e tutta dedita al servizio del Padrone della Vita.
So di recarTi dolore quando nelle mie disattenzioni devio verso il peccato, ma Tu sempre vicina, vigile e attenta, mi fai sentire nel profondo del mio misero cuore pentito e contrito.
Dolcissima Mamma Lucia, quale grande Dono mi hai dato; la possibilità di ammirarTi e di abbracciarTi; mi hai colmato di Grazie e Miracoli, ma non Ti ho saputa riconoscere in quei momenti, quale Tu Eri, Sei, e Sarai per tutta l’eternità: Maria, Madre, Figlia, Sposa di Dio e di tutta l’umanità; ho chiesto alla mia Anima come tutto questo sia potuto accadere, e mi sono dato una risposta che nelle cose di Dio c’è sempre un momento per potere discernere e penetrare i Suoi Santi misteri, secondo la Sua Santa Volontà.
Sento che la mia Anima gioisce quando penso di Te, parlo di Te, ricordo di Te, tutte le lezioni di vita eterna ricevute, una in particolare in questo momento affiora alla mia mente
In una Santa funzione a Casa Santa, ci hai parlato delle formiche, attente e premurose a procurarsi il cibo per nutrirsi e per accumulare per la stagione invernale; tutte si sono ritirate quando il freddo si fece sentire; alcune di esse mangiavano si nutrivano e scialacquavano, e a febbraio avevano finite le provviste e morivano di fame; altre invece si nutrivano con attenzione e parsimonia per potere passare l’inverno e arrivare alla primavera senza problemi.
La Tua Santa Parola mi diede Pace e Ristoro, colmo di gioia e leggero nell’Anima come sempre; ma Tu desideravi che io comprendessi l’autenticità del messaggio perché era anche una rivelazione, e dato che conosci tutti i pensieri di ognuno di noi, sapevi che io non avevo capito, hai voluto per il Tuo immenso Amore intervenire.
Accadde che durante il ritorno del Santo viaggio dalla Santa Dimora di Dio mentre ero sul bus, fui chiamato al telefono; eri Tu, la mia amatissima Mamma Lucia, che mi cercavi; ero emozionatissimo, quasi incredulo, non era mai accaduto prima, e mai accadde dopo; risposi balbettando e Tu con dolce tono di voce mi dicesti: ”Hai capito la parabola di oggi?” L’emozione fu tale che risposi qualcosa che non riesco a ricordare, Tu hai ripreso: ”Tutte le volte che arrivate a Casa Santa con un pizzico di fede, ritornate nelle vostre case pieni di Grazie; alcune di esse li vedete e li notate, altre no; la Tesoriera della vostra Anima li accumula, e sono risorse per i tempi difficili che verranno; il mondo è in agonia e il futuro sarà sempre piu’ pesante, utilizzate le risorse accumulate dalla vostra Tesoriera dell’Anima con amore e fedeltà “.
La comunicazione si interruppe, la mia Anima sussultava di gioia; capii che una rivelazione grande mi era stata fatta, avevo bisogno tempo per metabolizzare.
Sono passati diversi anni da quel bellissimo momento; gli avvenimenti di questi tristi giorni che l’umanità sta attraversando, mi fanno comprendere che i tempi sono maturi e riflettendo mi riportano alle Parole scritte nel Santo Diario “ TANTO TRISTI SARANNO I GIORNI E LE NOTTI CHE VERRANNO” perché l’umanità non ha creduto all’Apparizione della Madonna (che eri Tu dolcissima Mamma Lucia) a Sesto San Giovanni l’11 di marzo 1970.
Sei venuta in mezzo a noi per salvare l’umanita dai momenti che stiamo attraversando e per quelli ancora più terribili che verranno; ci hai invitati al Pentimento e alla Remissione del peccato; hai inondato di Grazie Divine tutti quelli che a Te si sono rivolti con un pizzico di Fede, ma l’umanità sorda ai richiami di Dio Padre e Dio Madre ha proseguito la sua corsa verso il baratro.
Tutti noi, figli di Mamma Lucia, comprendiamo che tutto quello che nel mondo sta succedendo ci riporta alla Tua Santa Verità Rivelata; il dolore per la perdita degli affetti, la mancanza di lavoro e di pace, le malattie sconosciute, le tribolazioni in genere, ci rendono attoniti ma non sgomenti; tutta la Pace e l’Amore che hai messo nei nostri cuori quando ci incontravamo a Casa Santa e tutto quello che continui a donarci con il Tuo Santo Spirito, ci danno Forza e Certezza.
Se utilizziamo le Tue Divine risorse con amore e fedeltà incondizionata, nulla abbiamo da temere, perché ovunque ci troviamo in qualunque difficile situazione Tu sarai sempre accanto a noi.
Tu Sei la Mamma di tutti i viventi; mi rivolgo per chi non Ti ha conosciuta; Bisogna Amare la Mamma; chi Ama la Mamma Ama Dio e chi Ama Dio non ha nulla da temere; Gesù sulla Croce ( Dio ), salvò il ladrone per averLo riconosciuto e per essersi pentito.
Un giorno ci hai detto che Ami i Tuoi figli per quanto è grande la terra , il mare e il cielo, ma io quanto Ti amo? Mamma accresci la mia Fede.
Con tanto Amore e Fedeltà i Tuoi figli, Giuseppe e Melina
Un forte abbraccio per tutti i fratelli e sorelle della Santa Dimora di Dio.

Testimonianza di Anna Cataldo di Alfano (Salerno)

Pace a tutti fratelli e sorelle, sono Anna di Alfano (Salerno). Voglio condividere con voi la grandezza della nostra Mamma che corre sempre con il Suo Santo Pronto Soccorso in aiuto a noi figli indegni e peccatori. I primi giorni di maggio una mia amica vicina di casa, un’anziana signora anche lei figlia di Mamma, ha avuto un malore ed è caduta battendo la testa e il braccio. La testa sanguinava e il braccio le faceva molto male, confidando nell’aiuto Divino della nostra Mamma Lucia, l’abbiamo aiutata a salire in macchina e sua nipote l’ha portata subito al pronto soccorso dell’ospedale. Lì le hanno ingessato il braccio, perché era fratturato, le hanno pulito il graffio che aveva sulla testa ed è stata rimandata a casa. Dopo pochi giorni la mia amica non stava bene, si sentiva debole e accusava mal di testa, non si reggeva più in piedi, per cui la nipote l’ha riportata al pronto soccorso. In ospedale in seguito alla TAC è stato diagnosticato un trauma cranico con un’emorragia che stava arrivando al cervello. Lei prendeva la cardioaspirina per questo i medici dissero che non poteva essere operata subito, doveva aspettare 3-4 giorni, ma dopo qualche ora è andata in coma e hanno dovuto operarla d’urgenza. Immediatamente hanno avvisato i figli riferendo loro che di sicuro non ce l’avrebbe fatta. Cari fratelli e sorelle, qui sta la grandezza della nostra Mamma che corre sempre in soccorso dei Suoi figli coprendoci di Grazie e Miracoli, Grazie alla Mamma e al nostro Padre l’operazione è andata tutto bene, ma, appena si è svegliata e la nipote le ha chiesto se la riconoscesse per sincerarsi se era cosciente, lei diceva: ” Mamma, Mamma Lucia”e sua nipote, che non conosceva Mamma Lucia, le rispondeva: ” No zia, sono tua nipote”, ma lei continuò a dire: ” Mamma Lucia, Mamma Lucia è venuta, si è seduta vicino a me e abbiamo parlato sempre, non mi ha lasciato mai. Gloria e lode alla nostra Mamma che strappa ogni Grazia al Padre nostro Creatore che non Le nega mai niente”. Grazie Padre! Grazie Mamma! Un abbraccio a tutti i fratelli e sorelle di Casa Santa Dimora di Dio che stanno sempre in preghiera per tutta l’umanità, pace a tutti.