Testimonianza di Paola Colombo di Novara

Pace a tutti i fratelli e sorelle di tutto il mondo intero.
Voglio dare testimonianza della Grandezza della nostra Mamma che ci è sempre vicina e ci conosce dal più profondo, conosce ogni nostra azione, conosce tutto di noi, tanto da farci capire e sentire anche attraverso la Voce del Signore, se facciamo qualcosa che a Lui non è gradito!
Era da un po’ di tempo che il mio custode andava a trovare un suo cugino, infermo sulla sedia a rotelle.
Carlo (così si chiamava) , un uomo senza fede, che ogni tanto, sentendo parlare del Signore, bestemmiava, più volte. Sapeva che io andavo in Pellegrinaggio da Mamma Lucia ed espresse il desiderio di volermi vedere e di parlarmi.
Ma io, un po’ presa dal lavoro, e un po’ per non farlo peccare, decisi di non andare.
Quando fui ricevuta da Mamma, era il 2002 o 2003, non ricordo bene esattamente la data, appena entrai nella Casetta delle Grazie, la Mamma mi disse:” Figlia, come va la scuola?” Io Le risposi:” Mamma, ma io non vado più a scuola” e tra me pensai “Ho finito la scuola già da tempo, ormai ho 35 anni, perché mi ha fatto questa domanda?”.
La Mamma, continuò, toccandomi la fronte con il Palmo della Mano: ” Figlia mia, gli insegnamenti!” E poi mi congedò.
Naturalmente per tutto il giorno, a Casa Santa, e anche durante il viaggio, non feci altro che pensare alle Parole di Mamma, non riuscendo a capire il senso di ciò che mi era stato detto.
La mattina seguente, era di Domenica, a casa, appena sveglia, come ogni mattina, iniziai a leggere il Libricino della Mamma della Santa Settimana: “Come ritrovarsi con Dio”; e nella Pagina di Presentazione recita “Vita e Insegnamenti della Vostra Mamma, la Mamma dell’Amore.
A quel punto iniziai a leggere la Santa Domenica, e arrivata alla Parola” Vai a portare la Parola di Dio dove manca, e porta la tua pace a chi soffre nell’anima e nel corpo”. Ecco che a quel punto la Grandezza di Mamma si manifestò! Una Voce mai sentita prima, Bellissima e Soave iniziò a parlare al posto mio, una Voce che mi usciva dal petto e si estendeva in tutta la stanza. Ecco che in quel momento compresi le Sante Parole pronunciate dalla Mamma nella Casetta delle Grazie, era la Scuola dello Spirito, e capii la mia mancanza nel non andare a portare la Santa Parola del Signore a quella creatura che mi aveva cercata, chiesi umilmente perdono al Signore e alla Mamma, scoppiando in un pianto ininterrotto.
Ecco, queste sono le Grandezze di Mamma, Lei Regina del Cielo e della terra, sempre pronta a farci comprendere quando facciamo qualcosa contro la Volontà del Padre nel non tendere la mano verso il fratello bisognoso, e in questo caso, facendomi sentire la Voce del Signore che regna nel nostro cuore, nella nostra Tesoriera.
Grazie Mamma, grazie di Tutto, e Ti chiedo perdono di tutte le mie mancanze.
Grazie anche a tutti i fratelli e sorelle di Santità di Casa Santa che con la loro dolcezza, ci ristorano l’Anima ogni volta che telefoniamo a Casa Santa.
Tua figlia Paola Colombo di Novara.

Testimonianza di Rosa Fortunato di Motegrosso (Andria)

Pace fratelli e sorelle mi chiamo Rosa Fortunato di Montegrosso, borgo di Andria, voglio testimoniare la Grande Grazia di avere Conosciuto Mamma Lucia. Era il 4 ottobre del 1988, la Mamma uscì alle 3.00 del mattino precisa, la Sua Ora, perché Lei è l’Aurora del mattino e prima di riceverci ci preparò con la Sua Santa Parola, Possente, Severa, ma tanto Amorevole. All’epoca avevo uno sfratto di casa da eseguire immediatamente e anche se io e la mia famiglia non Conoscevamo ancora la Mamma, Lei ci aveva fatto già Grazia di farci ricevere tante proroghe; è vero che Mamma apre le porte agli sfrattati di casa, grazie al Suo Santo Pronto Soccorso, ci aprì una porta di casa proprio la mattina quando io in quel momento ero ricevuta nella Casetta delle Grazie. Entrare nella Casetta delle Grazie era come entrare nel Cuore Immacolato della Mamma, provai una immensa gioia e sentii un Profumo di Cielo, la Mamma mi guardava con il Suo Dolce Soave Viso pieno d’Amore e mi leggeva nel cuore senza che io parlassi, a un certo punto si tolse gli occhiali e vidi i Suoi Occhi Stupendi, Celestiali, mi diede tanta forza e Amore che la mia Anima sembrava una piuma leggera; senza che me ne accorgessi, avevo stretto il Verbo di Dio fra le mie braccia. La Mamma ha sempre chiesto Pentimento, Remissione e Conversione affinché Lei e il Padre potessero riposare nei cuori di chi a Loro si affida, e ritrovare il meglio che vive dentro di noi, non ci lascia mai soli e ci dona sempre tanta Forza e Amore.
Sempre la Mamma ci ha invitati a fare la Catena d’Amore, a riunirci in preghiera in gruppo con l’Ora Santa tutti insieme, per vivere almeno una volta a settimana in comunione fraterna. In obbedienza alle Sue Sante Parole in casa accendiamo la lampada ad olio, come si faceva una volta, recitiamo il Santo Rosario arma potentissima contro il male e Ristoro dell’Anima e quando lo recitiamo insieme è come quando Gesù portò gli apostoli sul Monte Tabor, è una trasfigurazione delle nostre Anime, una sensazione indescrivibile e bellissima. Altro Grande Insegnamento ricevuto dalla Mamma è l’Apostolato; la prima volta sono uscita con altre due sorelle, era l’undici novembre del 2008, era l’estate di San Martino, c’era un sole bellissimo; ai fratelli che ci aprivano la porta abbiamo letto il Santo Diario per portare a conoscenza del Disegno di Dio, Mamma Lucia, poi abbiamo parlato delle innumerevoli Grazie che la Mamma aveva strappato al Padre per i figli, della Santa Carità nascosta, dell’Accoglienza del fratello sconosciuto e della Gioia e dell’Amore che dava ai nostri cuori. Quella giornata fu indimenticabile, ci sentivamo chiedere chi ci avesse mandato a ristorare i loro cuori. Talmente era la gioia, che mi sentii tutta Rivestita a Nuovo, da allora non ho più smesso di fare l’Apostolato. In questi tempi sulla terra è calato il buio, ora sta a noi con il nostro esempio ricreare il Bene, perché Mamma ha creduto in noi dal primo momento e noi non dobbiamo deluderLa.
Un grande abbraccio a tutti voi e ai nostri fratelli e sorelle di Santità di Casa Santa.

Testimonianza di Clemente Puoti di Scafati (Salerno)

Pace a tutti fratelli e sorelle del mondo intero, sono Clemente Puoti di Scafati. Sono 38 anni che ho avuto la grande gioia e l’Immensa Grazia di conoscere e essere abbracciato dalla Regina del Cielo e della terra, la Stella del Gargano, Mamma Lucia. Quante cose la Mamma ci Ha insegnato, ci Ha insegnato ad amare e a perdonare, invitandoci a mettere in pratica Quelli che sono i Santi Voleri di Dio. Ringrazio il Buon Dio per avermi fatto degno, nella mia indegnità, di Vedere con i miei occhi peccatori, la Sua Dolce Sposa e Madre e per le Meraviglie Celestiali che mi Ha Concesso di vedere. Ricordo un giorno, eravamo a Casa Santa, mentre la Mamma distribuiva la Santa Mensa, la minestra nel pentolone era quasi terminata e bisognava riempirlo e la Santa Sorella addetta a portare le pentole di minestra per riempire il pentolone si avvicinò alla Mamma e Le parlò all’Orecchio. Tutti capimmo che non ce ne era più e c’erano ancora tanti Pellegrini che dovevano avere la Santa Mensa, allora Mamma si fermò, rivolse i Suoi Splendenti Occhi al Cielo, rimase assorta in quella posizione per qualche minuto, poi abbassò la Testa, diede la Santa Benedizione a quel poco di minestra che era rimasta nel pentolone e incominciò a riempire i piatti ai figli, la minestra si moltiplicò fino a riempire l’intero pentolone. Furono sfamati i pellegrini che erano restati senza e addirittura vennero tanti a fare il bis. Grazie Mammina del Cielo, grazie Padre per le Grazie che Avete Donato e che continuate a Donare a noi Vostri figli. Ancora, un’altra volta, mentre Mamma davanti alla Chiesetta stava dando la Santa Parola di Dio, sul tetto della Chiesetta c’erano diversi passerotti e con il loro cinguettio disturbavano la Parola di Mamma e non ci facevano ascoltare bene. Ad un certo punto la Mamma si è fermata e ha sgridato gli uccellini dicendo:” State zitti e ascoltate anche voi la Parola del Signore!” Gli uccellini immediatamente smisero di cinguettare, zittiti dalla Mamma rimasero lì sul tetto ad ascoltare anche loro la Parola del Signore. Un’altra volta ancora, mentre Mamma, davanti alla chiesetta, dava la Santa Parola di Dio a un certo punto ho visto l’Ombra di Tre Grosse Figure, Una dietro alla Mamma e le Altre Due ai lati, sono state tutto il tempo che Mamma dava la Santa Parola di Dio. Io incredulo a ciò che i miei occhi vedevano pensai che stessi sognando, mi stropicciai più volte gli occhi, ma la scena era sempre la stessa, le Tre Figure erano sempre lì. Accanto a me c’era un fratello di Bari e gli chiesi:” Vincenzo vedi anche tu quello che vedo io?” e gli spiegai ciò che vedevo. Lui mi rispose:” Fratello oggi il Signore ti ha fatto degno a te di vedere Questa Grandezza, io non vedo niente”. Per tutto il tempo che Mamma ha dato la Santa Parola ho visto Queste Tre Grosse Figure che stavano con Mamma. Dopo che Mamma terminò di dare la Santa Parola, ci diede la Santa Benedizione e le Tre Ombre di Figure sparirono. Che cosa grande ai nostri occhi peccatori fratelli e sorelle del mondo, che cose grandi che il Signore ci fa degni di vedere, grazie alla nostra Mamma Lucia, la Regina del Paradiso. Ho dato questa testimonianza con la speranza che anche voi fratelli e sorelle che leggete, crediate che sulla terra abbiamo avuto la Regina del Paradiso, Maria discesa dal Cielo, che Ha Camminato in mezzo a noi con il Nome di Lucia, per portare la Luce nel cuore dell’uomo, per prepararlo all’incontro con Dio Padre, il nostro Creatore. Grazie Mamma per l’Infinito Amore che Hai per tutti noi figli Tuoi di tutta l’umanità, grazie Padre per averci Donato la nostra Mamma, la Stella che Brilla sul Gargano. Un Bacio a Te, Mammina Cara e un abbraccio ai fratelli e sorelle di Casa Santa, Dimora di Dio, che notte e giorno pregano per tutta l’umanità.

Testimonianza di Rosanna D’Ercole di Matera

Pace a tutti, ho conosciuto Mamma Lucia dopo la morte di mio marito (il mio compagno), morto di tumore alla tiroide. Aveva un buco profondo alla gola. Nel suo ultimo periodo di vita, ero totalmente dedicato a lui, un giorno sentii un forte Profumo di fiori, non c’erano fiori vicino a mio marito che, anzi, emanava un cattivo odore. Mi fu detto da conoscenti, successivamente dopo la morte di mio marito, che Quello era il Profumo con cui Mamma Lucia si manifestava ai Suoi figli per portare loro il Pronto Soccorso e il Suo Santo Conforto. Nacque in me il desiderio di recarmi in Quel Luogo Santo e appena fu possibile, mi unii al pellegrinaggio e quel giorno, mentre Mamma Lucia ci dava la Santa Parola di Dio, disse “Nessuno viene qui se non è mandato dal Padre” ed è così che mi sono sentita: dovevo recarmi in Quel Santo Luogo. Mamma mi abbracciò davanti a tutti e, alzando gli Occhi al Cielo, disse “Padre, come soffrono i figli Tuoi” e mi invitò a togliere il lutto. Da quel giorno non mi ha mai abbandonata e sono stata sempre sotto la Protezione del Suo Santo Manto.

Mi ha aiutata moralmente a superare quel brutto periodo e le altre difficoltà che si sono presentate. Ho ricevuto da Lei Grazie corporali e spirituali e voglio anch’io, come tanti figli darvi la mia testimonianza. Mamma illumina il nostro cammino e ci spiana la via da seguire. I dottori sospettavano che io avessi un tumore e mi avevano prescritto varie analisi, mi recai in ospedale, affidandomi alla Mamma che mi indirizzasse sulla giusta via da percorrere, così fu che incontrai un infermiere conosciuto, il quale mi indicò un dottore che si prese cura di me fino al momento dell’intervento. Dall’esame istologico risultò un tumore al terzo stadio. Il primario durante l’intervento sospettava di un sarcoma, non ci sarebbe stato niente da fare per come era abbarbicato alle ossa, invece, Grazie alla Mamma, si è trattato di un linfoma debellato con cicli di chemio. Ho sofferto tantissimo in quel periodo, ma la Mamma mi sosteneva, era sempre vicino a me.  Grazie alla Mamma, fatta l’ultima chemio, dai controlli e varie TAC successive non è risultato più niente. Mamma mi Ha protetta con la Sua Santa Mano e il Suo Santo Sguardo, ed io Le sarò sempre riconoscente.

La mia storia non è finita, poiché ho ricevuto un’altra grande Grazia. Mi era stato scoperto un meningioma e, tra i tanti dottori consultati, c’era chi diceva di aspettare e chi affermava che era meglio operare, invocai Mamma supplicandoLa ancora una volta di mettermi sotto il Suo Santo Mantello. L’intervento si presentava molto delicato, il chirurgo mi disse che il meningioma anche se di piccole dimensioni si trovava molto vicino all’occhio, e questo dava urgenza all’intervento perché potevo restare cieca. Mamma Lucia ha Guidato la mano del chirurgo in un intervento delicatissimo, durato dalle ore 08 del mattino alle ore 19:30. Io devo ringraziare Mamma Lucia per come mi è stata vicina, facendomi capire anche la giusta strada da percorrere. Grazie alla Mamma è andato tutto bene e vedo benissimo. Il Suo Santissimo Profumo, l’ho sentito anche dopo la morte di mio nipote, un ragazzo di 23 anni che era come un figlio per me. Ero in casa e piangevo davanti alla sua foto, subito la Mamma mi fece sentire la Sua Santissima Presenza e il Suo Santo Conforto con il Suo Celestiale Profumo di fiori. Io ero sola e non c’erano fiori, ringraziai dal profondo del mio cuore la Mamma che mi stava sempre vicina e affidai questo ragazzo al Suo Cuore Immacolato. Mamma Sei tutto per me !!!. Grazie al Padre Celeste per avermi fatto Conoscere Mamma Lucia, Fonte di Luce, di Grazie, di Amore e di Santo Conforto per tutta l’umanità, un abbraccio ai Santi Fratelli e Sante Sorelle di Casa Santa.

Testimonianza di Antonella Seduta di Foggia

Pace a tutti sono Antonella Seduta di Foggia, ho Conosciuto Mamma Lucia nel 1991 grazie alla mia custode ora salita al Padre, da quel giorno non ho mai abbandonato Questo Santissimo Cammino di Luce che la Mamma ci Ha portato dal Cielo quaggiù sulla terra. Ho ricevuto, per Intercessione della Mamma presso Dio Padre Onnipotente, Grazie per me e per i miei cari. La Mamma mi ha Insegnato l’Amore Vero e la Santa Carità verso il prossimo. Oggi voglio condividere con tutti voi, fratelli e sorelle che leggete le Meraviglie della nostra Adorata Mammina e gridare al mondo intero, alcune delle tantissime Infinite Grandezze che la Nostra Mamma Celeste e il Padre mi Hanno Donato di poter Ammirare, alzandomi il velo del peccato che copre in nostri occhi peccatori, durante i Santi Pellegrinaggi a Casa Santa.
In uno dei tanti Santi Pellegrinarci nella Santa Dimora di Dio che la Mamma e il Padre Nostro ci Hanno Concesso di poter vivere, dopo la Santa Parola che la Mamma ci Donò, Allattandoci con tutto l’Amore del Verbo di Dio Padre, alzai gli occhi al cielo e vidi il Sole roteare su se stesso e cambiare di bellissimi svariati colori. Rimasi folgorata dall’Evento inspiegabile, agli occhi non dava fastidio in nessun modo, guardavo diritto a Questo Meraviglioso Sole, rimasi incantata da tale meraviglia e il mio sguardo non riusciva a staccarsi. In un altro Santo Pellegrinaggio sempre nella Santa Dimora di Dio, era la Santa Funzione delle Palme, rivolgendo il mio sguardo al cielo, vidi tre grandi croci, quella al centro molto più grande delle altre e tale visione fu vista da tanti pellegrini presenti. Stupita, come i tanti pellegrini che videro Tale Meraviglia, che in quel momento il Padre e la Mamma ci avevano Concesso di vedere, ringraziai nel profondo del mio cuore la Mamma e il Padre per Questi Grandi Segni Celestiali, che nella mia indegnità, mi fecero degni di poter Ammirare. Quante volte abbiamo potuto vedere con i nostri occhi peccatori, la Moltiplicazione del Santo Ristoro e della Santa Mensa, che la Mamma Donava ai figli Servendoci Lei Stessa, ci Ristorava prima nello Spirito Donandoci Grazie e Miracoli, Santo Conforto, tanta Luce, Pace e Amore…….. e poi, Ristorandoci nel corpo. Anch’io ho avuto la Grazia di trovarmi in uno di Quei Santi Giorni dove il Padre, per Amore Infinito della Sua Sposa e Madre, Ha Concesso alla Mamma la Grazia della Moltiplicazione della Santa Mensa per i figli. Alla Santa Mensa la Mamma, che ci riempiva il piatto e ce lo dava, Serviva prima gli uomini e poi le donne ed io ero in fila. Dopo tante persone si avvicinava il mio momento quando, tutto ad un tratto, la fila si è fermata e ho visto la Mamma ferma con gli Occhi Rivolti al Cielo e mi sembrò di capire che Implorasse e Ringraziasse il Padre. Questo durò qualche minuto e noi tutti fermi a guardare e a chiederci cosa stesse succedendo. Dopo L’implorazione della Mamma, ci rendemmo conto che dal pentolone, che dopo tanti pasti che la Mamma aveva già servito ai figli, conteneva ormai poca minestra, anche il vapore non usciva più da esso essendo il livello basso, Miracolosamente il livello della stessa era ritornata a colmare il pentolone ed usciva un denso vapore di minestra fumante, appena tirata dal fuoco. La nostra Mamma, Felice e Sorridente, riprese solerte con il mestolo fumante di minestra a tornar a riempire i piatti ai figli. Grazie Dio Padre di averci Donato la nostra Mamma, la Rosa del Paradiso, il Fiore più Bello del Santo Creato, quanti Segni Celestiali e Miracoli la Mamma ci Ha Concesso di poter Vedere e Ammirare con i nostri occhi peccatori. Un abbraccio a tutti i Santi Fratelli e Sante Sorelle di Santità della Dimora di Dio, Casa Santa, sempre in preghiera per tutta l’umanità.

Testimonianza di Ilde Ciarlante da Isernia (Campobasso)

Pace a tutti, sono Ciarlante Ilde da Isernia (Campobasso), una figlia di Mamma da molti anni e ho creduto in Lei fin dal primo giorno che L’Ho Vista.
Ho ricevuto tante Grazie e Miracoli per Intercessione della Mamma, anche per i miei cari e per le persone che conosco, L’incontro con Mamma ha cambiato la mia vita.
Grazie a Lei ho ritrovato la Fede che avevo perduto e ho Conosciuto il Vero Amore che solo da DIO può Venire.
Ho rischiato di morire per ben tre volte e Lei mi ha salvato la vita….ci vorrebbero pagine intere per descrivere tutto il bene che ha dato a me e alla mia famiglia, ma oggi voglio raccontare quello che mi è successo alcuni mesi fa.
Avevo sempre mal di schiena che aumentava con il passare del tempo, ma sia io che i medici abbiamo sorvolato la cosa e sono andata avanti prendendo qualche antidolorifico.
Dopo un infarto seguito da un intervento alle coronarie, da cui sono uscita viva per Miracolo, grazie sempre alla mia Adorata Mamma Celeste, sono stata ferma a letto per diversi mesi.
Quando mi sono alzata, non riuscivo più a stare in piedi e a camminare perché la schiena e il bacino erano bloccati.
Dopo vari imprevisti, sono riuscita a fare una Tac a tutta la colonna vertebrale.
Sono risultate tre stenosi, una cervicale, una dorsale e una lombosacrale che era la più grave….ho fatto un po’ di fisioterapia, ma ho visto che era peggio.
Il 10 ottobre sono andata a visita da un famoso neurochirurgo seduta in carrozzina, per il terribile dolore dietro la schiena e subito il professore mi ha detto che l’unica soluzione era l’intervento chirurgico.
Mi ha messo in lista a due mesi e invece mi hanno chiamato dopo 5 mesi, quando la situazione si era aggravata completamente.

Imploravo continuamente la Mamma nel mio cuore, che ci Pensasse come sempre Lei, che mettesse la Sua Santa Mano per fermare ciò che mi stava accadendo, visto il grande ritardo dei medici nel chiamarmi.
Quando mi hanno operata, aprendo hanno visto che il canale midollare era del tutto ostruito.
Sono rimasti sbalorditi, non si capacitavano come io non fossi completamente paralizzata e come potessi muovermi in quella situazione paradossale, non cerano risposte scientifiche.
MAMMA ha fermato con la Sua Santa Mano, l’evolversi della totale paralisi!!!
Io L’Ho Invocata e pregata tanto e i Servi di Dio di Casa Santa, hanno pregato molto per me e il giorno della operazione, mi sono affidata completamente al PADRE E ALLA MAMMA affinché entrassero con me in sala operatoria un’altra volta e mi Hanno ridato Nuova Vita nuovamente!
L’operazione ad alto rischio per il mio cuore, anche se è stata complessa e lunga, è riuscita perfettamente, nella grande incredulità dei medici per la situazione sopra citata.
Questa è la Grandezza di Mamma nostra, non ci sono parole per ringraziare il Signore di Questo Immenso Dono Divino che ci Ha Fatto…la nostra MAMMA dell’Amore, MAMMA MARIA LUCIA, la MAMMA della Luce, La REGINA del PARADISO!!!

Testimonianza di Roberto Guerrini di Novara

Pace al mondo intero, mi chiamo Roberto Guerrini e sono di Novara, faccio parte del gruppo di Preghiera di Novara, ho avuto l’immensa Grazia di Conoscere la Mamma nel 2002 e da quel momento la mia vita è cambiata. Grazie ai Suoi Santi Insegnamenti e al Suo Amore senza limiti e ne barriere, sono cresciuto imparando a mettere al primo posto nella mia vita, Dio Creatore, a mettere in pratica quel briciolo di fede che la Mamma ci chiede; volevo dare testimonianza della Grande Grazia che ho ricevuto per Intercessione della nostra Mamma Celeste, Maria Lucia nostra Luce.
Il 25/07/2023 venivo portato al pronto soccorso a causa di una colica renale, allego referto, dove veniva eseguita una t.a.c. al basso addome da cui risultava un nodulo al pancreas preoccupante, mi veniva prenotata la risonanza magnetica e la visita chirurgica urgente. Con fede e speranza chiamavo Casa Santa per il Santo Pronto Soccorso che la nostra Mamma Celeste ci dispensa sempre, non facendolo mai mancare a nessuna Creatura da Lei Concepita. In data 03/08/2023 feci la risonanza magnetica dove alla consegna del referto, dopo una settimana effettuata, confermava la presenza di nodulo al pancreas. Nel frattempo che arrivasse il referto della risonanza, il giorno seguente, il 04/08/2023, avevo la visita prenotata dal chirurgo, che dopo avermi visitato, sottopose il mio caso al primario dell’ospedale, il quale, nonostante non fosse ancora pronto il referto della risonanza magnetica, si esprimeva a favore di un intervento chirurgico, allego referto 04/08/2023. Mi sono affidato con tutto il mio cuore alla Luce di Mamma e al Suo immenso Amore che Ha per tutti noi Suoi figli peccatori di tutta l’umanità, la Sua Santa Luce mi ha sempre Guidato nei momenti bui della mia vita.
Confidando sempre in Mamma Lucia, ho eseguito un’altra risonanza, in data 29/01/2024, il referto che allego recita che non si è trovato più nessun nodulo al pancreas e non esiste più in dimensione e forma rilevabile. Questa è la Grandezza di Mamma che intercede presso il Padre Nostro per tutti noi figli Suoi di tutta l’umanità, il Suo Amore per noi è smisurato, se abbiamo un granello di fede, Lei ci Dona Grazie e Miracoli, non ci abbandona mai ed è sempre al nostro fianco, ci sostiene nelle sofferenze e nei dolori.
La Mamma Celeste è sempre Pronta a Donarci il Suo Amore Incondizionato.
Non smetterò mai di amarTi Mammina del Cielo, Tu Sei la Stella più Bella, Tu Sei la Luce più Grande, grazie Mamma!
Pace a tutti fratelli e sorelle del mondo intero, un fortissimo abbraccio ai Santi Fratelli e Sante Sorelle di Casa Santa, Dimora di Dio e di Maria Lucia Gloria di Dio.

Testimonianza di Anna Maria Fucentese di Torre Annunziata (Napoli)

Pace a tutta l’umanità, mi chiamo Anna Maria Fucentese di Torre Annunziata (Napoli), faccio parte del gruppo di preghiera di Santa Maria la Carità. Voglio condividere con tutti voi, fratelli e sorelle del mondo intero, alcune Immense ed Infinite Meraviglie Celestiali che la Mamma Ha Concesso ai figli di vedere, alzando il velo del peccato dinanzi ai nostri occhi peccatori e facendoci degni, nella nostra indegnità, di poter Ammirare il Paradiso a Casa Santa, Dimora di Dio, alla Santissima Presenza della nostra Adorata Madre. Diversi anni fa, ci trovavamo in Casa Santa, eravamo tutti i pellegrini davanti alla Casetta delle Grazie ad ascoltare la Santa Parola della Mamma. Terminata la Santa Parola, ci mettemmo in fila per essere ricevuti dalla Mamma nella Casetta delle Grazie; ricordo che ero agitata e non capivo perché, quando arrivò il mio turno, come misi il piede sull’uscio della Casetta delle Grazie, non vidi più il Volto della Mamma come la vedevamo fuori, ma vidi una Giovane Donna con il Volto coperto da un Velo Rosa, il Volto della Mamma nelle Sue Santissime Vesti Celestiali di Maria Santissima dell’Altomare. Trasalii e feci il gesto di tornare indietro, ma Ella mi invitò con il cenno del Capo come per dire è Vero quello che vedi, così mi avvicinai e mi trovai nelle Braccia della Mamma. Non ricordo più niente, mi ritrovai fuori dalla Casetta delle Grazie tutta confusa ed emozionata, questo è un ricordo che ancora oggi è vivo ed impresso nell’Anima mia.

Un’altra volta era il Sabato delle Palme del 3 Aprile 2004, in occasione di Questa Santa Funzione c’erano tanti pullman venuti da tante parti d’Italia, all’improvviso mentre la Mamma ci dava la Santa Parola di Dio, si formarono in cielo 3 Croci, Quella centrale grande e quelle due laterali più piccole; la Mamma incominciò a piangere e ringraziare il Padre del Dono che ci aveva fatto per il Suo Manifestarsi. Piangeva e ringraziava il Padre, presentando noi come Suoi figli umili e obbedienti che avevamo risposto alla Chiamata, ma che non era ancora arrivato il tempo, che Lei tornasse nel Regno dei Cieli perché doveva ancora Salvare tanti figli che si stavano perdendo. Fratelli e sorelle del mondo intero, questa è solo una piccolissima Goccia di Paradiso che la Mamma ci ha fatto degni di poter Ammirare, Quanta infinità di Cielo, di Grazie, di Miracoli, di Visioni, di Trasfigurazioni, di Moltiplicazioni, di Profumo Celestiale, di Segni ecc… che la Mamma ci Ha fatto Grazia di farci Contemplare e Sentire. Grandezze del Cielo che Solo la Madre Celeste Poteva Donarci facendoci degni nelle nostre indegnità di poter Ammirare tutto ciò per donare al mondo intero il Suo infinito Amore per tutti i figli Suoi di tutta l’umanità da Lei Concepiti. Pace e Amore di Mamma a tutto il mondo intero, un forte abbraccio ai nostri Cari Fratelli e Care Sorelle di Santità di Casa Santa, Dimora di Dio e di Maria.

Testimonianza di Anna Maria Binci di Macerata

Mi chiamo Anna Maria Binci e faccio parte del gruppo di preghiera di Macerata, ho avuto l’immensa Grazia di Conoscere la Mamma e seguire il Suo Santissimo Cammino di Luce che ci Ha portato dal Cielo quaggiù per tanti anni e volevo dare testimonianza della grande Grazia che ha fatto al mio compagno la notte tra il 20 e 21 Gennaio di quest’anno. Erano circa le 02:30 di notte quando ha avuto un attacco fortissimo di asma, lui ha dei problemi ai polmoni, causati dal lavoro che svolge ed è in cura per questo, ha perso i sensi non respirava più, ero disperata ho Invocato con tutto il mio cuore la Mamma più volte implorando la Sua Misericordia, chiedendo il Suo Santo Pronto Soccorso. Ho chiamato il 118, ma poiché abitiamo in campagna, hanno perso tanto tempo per arrivare e quando sono arrivati, lui era in coma, hanno cercato subito di rianimarlo e quando sono partiti per l’ospedale, la dottoressa del 118 ci ha detto che la situazione era grave, anzi gravissima, lo avrebbero portato con urgenza al pronto soccorso, ma ci invitò a partire con calma, perché comunque non ci avrebbero fatto entrare. Così io e la figlia che la Mamma ci ha donato, abbiamo preso il necessario e con il cuore in gola siamo partiti. La paura era tanta, essendo stato in coma troppo tempo e avevamo paura per i danni al cervello. Quando siamo arrivati al pronto soccorso, la dottoressa che lo aveva soccorso a casa, ci è venuta incontro e con suo grande stupore ci ha rassicurati dicendoci che il mio compagno stava meglio, era cosciente, non aveva bisogno dell’ossigeno e sembrava non essere la stessa persona trasportata in ambulanza, perché si era partiti che era disperatamente in coma e invece in ospedale si era Miracolosamente ripreso e ora stava bene. È stato trattenuto in ospedale per una settimana per i vari controlli e quando è andato a controllo dalla dottoressa che lo aveva in cura e le abbiamo raccontato quello che era successo, lei era incredula, diceva che non era possibile, tutti gli esami effettuati all’ospedale erano buoni e non capiva come essendo stato senza ossigeno per tanto tempo, non aveva subito danni cerebrali. Grazie al Pronto Soccorso della Mamma, che abbiamo Invocata con tutto il cuore, sotto gli occhi increduli dei medici che hanno visto un morto resuscitare e che non ha avuto, sorprendentemente, nessun danno al cervello, la Mamma ha Donato al mio compagno nuova vita. Ora è sempre in cura per i suoi problemi ai polmoni, ma grazie alla Mamma è rinato. Dobbiamo fare altri controlli di prassi, però grazie alla Mamma sta bene. Grazie Mamma, Sei la nostra Salvezza e non lasci mai solo chi implora la Tua Misericordia.

Testimonianza di Clemente Puoti di Scafati (Salerno)

Pace a tutti, fratelli e sorelle, mi chiamo Clemente Puoti, faccio parte del gruppo di preghiera di Pompei. In quasi 38 anni ho avuto la grande gioia e Grazia infinità di incontrare ed essere abbracciato tante volte dalla Regina del Paradiso, la Nostra Carissima Mamma Celeste: Mamma Maria Lucia.
Oggi non racconterò le tante Grazie che ho ricevuto e né tutte le volte che la Mamma è venuta in mio aiuto, ma desidero raccontare ciò che è accaduto a tutte quelle persone che non hanno avuto la mia stessa Grazia di essere stati ricevuti nelle Braccia della Mamma, ma che comunque affidandosi a Lei con un briciolo di fede, con la preghiera e le buone e sante opere hanno ottenuto l’Aiuto di Mamma. Prima della Pandemia, ogni domenica, insieme ad altri fratelli e sorelle, ci riunivamo per uscire sul territorio a fare l’Apostolato, per annunciare al mondo la Buona Novella: “la discesa di Maria sulla terra con il Nome di Mamma Lucia”. Una di queste domeniche ero insieme alla sorella Carla Di Vuolo sul territorio di Nocera Inferiore (SA). Siamo entrati in un fabbricato e dall’ultimo piano abbiamo bussato ad ogni porta. Per primo ci ha risposto un uomo dicendo che non era interessato a noi. La seconda ha detto che non poteva aprirci. Alla terza porta ci ha aperto un giovane che ha ascoltato con molto interesse. In quel momento la donna che non poteva aprirci ci ha chiesto se potevamo salire. E così siamo risaliti incominciando a parlare della Grandezza della Mamma, dopo poco è uscita la moglie dell’uomo che non era interessato, chiedendoci di andare da lei. Noi l’abbiamo invitata a unirsi al gruppetto che si era formato sul pianerottolo. Questa donna, appena ha sentito pronunciare il Nome di Mamma Lucia sul Gargano, si è messa a gridare di gioia e abbracciando fortemente la sorella Carla, che era con me, ascoltando le nostre parole, ha raccontato che aveva sognato proprio la Madonna del Gargano. Ci ha narrato la sua storia, dicendo che aveva un figlio a cui dovevano amputare una gamba, e la Madonna del Gargano nel sogno le aveva indicato di comprare una crema e spalmarla sulla gamba. Così è stato fatto. Successivamente si sono recati all’ospedale per il controllo e con grande meraviglia il dottore ha diagnosticato la completa guarigione della gamba e quindi non c’era più bisogno della sua amputazione, in quanto a suo dire era stato Miracolato. Lei voleva andare a ringraziare la Madonna a Lourdes, ma ora aveva capito veramente dove andare a pregare per Questa Grazia ricevuta, dalla Madonna del Gargano, Mamma Maria Lucia. Ecco, fratelli e sorelle di tutto il mondo, tutti insieme con la preghiera ed il pentimento ricorriamo sempre alla nostra Mamma che non abbandona mai i Suoi figli, sempre in Soccorso Continuo nei bisogni dei figli Suoi di tutta l’umanità. Gloria alla Nostra Mamma ed al Padre Dio nostro che ce L’Ha Donata. Un abbraccio forte e un grazie a tutti i fratelli e sorelle di Casa Santa, sempre in preghiera per i dolori dell’umanità.