A richiesta di tutti i fedeli, l’Ave Maria di Casa Santa dell’Ora Santa a tutte le ore notte e giorno per tutte le sofferenze e dolori dell’umanità.

IMG_0327
AVE MARIA!
DIMORA DI DIO, FRUTTO DI GRAZIA DELL’ANIMA MIA,
NELL’ORA DEL MIO RITORNO, VIENIMI A PRENDERE, MADRE MIA!
SANTA MARIA,
MADRE DI DIO E MADRE MIA, SPOSA DEL SIGNORE,
TU CHE SEI PIENA DI GRAZIE, PREGA PER ME CHE SONO PECCATORA,
FINO ALL’ORA DEL MIO RITORNO
E COSI’ SIA.

Presentazione

 

Mamma Lucia la Stella che brilla sul Gargano e splende radiosa nei Cuori dei Figli di tutta l’umanità.

IMG_0327 Pace a tutti voi cari fratelli e sorelle di tutto il mondo, di tutte le religioni, di tutti i colori, di tutti i ceti, grandi e piccini, figli di Dio, siamo qui tutti uniti in un solo cuore per glorificare e rendere grazie al nostro Padre Celeste per il Dono immenso ed infinito che ha donato a questa umanità. Continua

Maria Lamacchia di Matera

Pace Fratelli e Sorelle di tutto il mondo intero, il giorno 02 – 08 – 2020 ricorre Maria Santissima degli Angeli. Lodiamo e Glorifichiamo con il nostro Spirito, insieme a tutta la Corte Celeste, la Nostra Cara Mamma Luce. Ti ringraziamo Nostro Caro Padre Celeste di averci Donato sulla terra la Tua Creatura tanto Amata al Tuo Dolcissimo Cuore: la Nostra Cara Mamma la Perla Preziosa del Paradiso. Mamma fa che i nostri cuori e i cuori di tutta l’umanità Ti possono Lodarti per tutta l’Eternità. Mamma in questo Santo giorno il nostro pensiero è Rivolto a Te. Baci Abbracci al Nostro Caro Padre Dio, alla Nostra Cara Mamma Dono di Dio, a tutti i Fratelli e Sorelle di Casa Santa. Rivolgiamo dal Profondo dei nostri cuori i nostri più cari auguri alla Nostra Cara Mamma la Regina del Cielo e della Terra, i Tuoi figli Vincenzo, Bruna, Maria Lamacchia di Matera.

—————————-

Pace Fratelli e Sorelle di tutta l’umanità, con Grande Gioia Vi Annuncio il giorno 05 – 08 – 2020 : ricorrenza di Maria Santissima delle Nevi. Dio Padre ha mandato la Sua Dolcissima Sposa Maria sulla terra e con l’ultima Apparizione del giorno 11 Marzo 1970 a Sesto San Giovanni (MI), alle ore 10 : 20 alle sei donne che recitavano il Santo Rosario in Casa di Mamma Lucia, veniva rivelato il Disegno di Dio a tutto il mondo intero: la Gloria di Dio, Mamma Lucia; Quel giorno la neve che scendeva purificava la terra intera, Maria Lucia Disegno di Dio per la salvezza dei figli di Buona Volontà. Crediamo e abbiamo Fede in ciò che il Nostro Caro Padre Celeste con il Suo Immenso Amore ha Donato: La Sua Creatura, la Nostra Cara Mamma la Stella che Brilla sul Gargano. Prepariamoci con il nostro Spirito a Lodare e Glorificare Dio Padre e Dio Madre. Ti Ringraziamo Nostro Caro Padre Celeste di averci mandato sulla terra il Tuo Prezioso Giglio, la Nostra Cara Mamma Luce. Mamma Tu che Sei Giglio Profumato per questo Grande giorno Irradiaci con la Tua Santa Luce Divina e Purifica i nostri cuori e i cuori di tutto il mondo intero. Baci Abbracci al Nostro Caro Padre Celeste, alla Nostra Cara Mamma Dono di Dio, a tutti i Fratelli e Sorelle di Casa Santa, dai figli Vincenzo, Bruna, Maria Lamacchia di Matera.

—————————-

In Ricorrenza del giorno 06 -08 – 2020: La Trasfigurazione di Nostro Signore Gesù. Gesù prese con Se gli Apostoli Pietro, Giovanni, Giacomo e salirono sul monte. Arrivati lì Gesù si mise a pregare e il Suo Volto e la Sua Veste divennero bianchi, candidi e folgoranti di Luce. Apparve una nuvola che li copri con la sua ombra, gli Apostoli furono presi da grande spavento, dalla nuvola si senti una Voce che diceva: “Questo è il mio diletto Figlio; ascoltatelo”. Fratelli e Sorelle di tutto il mondo intero per questo Santo giorno prepariamoci con il nostro Spirito, invochiamo il Nostro Caro Padre Celeste e la Nostra Cara Mamma Luce con Fede e con la Preghiera dell’Anima, che possiamo essere degni di sentire la Voce possente del Nostro Caro Padre Dio. Dio Padre e Dio Madre con la Vostra Luce Divina, Irradiateci il nostro cammino a noi, ai nostri cari, a tutta l’umanità intera. Al Nostro Caro Gesù il nostro Pensiero è Rivolto a Te. Baci e Abbracci al Nostro Caro Gesù, al Nostro Caro Padre Celeste, alla Nostra Cara Mamma la Stella che Brilla sul Gargano, a tutti i Fratelli e Sorelle di Casa Santa, dai figli Vincenzo, Bruna, Maria Lamacchia di Matera.

Ilde Ciarlante da Isernia (Campobasso)

Luglio è il mese dedicato al PADRE: in questo ultimo giorno voglio dedicare questa preghiera al PADRE NOSTRO e la scrivo in inglese affinché tutto il mondo possa leggerla! Con infinito amore, Ilde.

PRAYER TO GOD THE FATHER

In these dark days and with heavy hearts,
we kneel before you ETERNAL FATHER , ETERNAL MOTHER
and ask for YOUR FORGIVENESS, as it’s because of our sins
that we can see so many pains and sufferings in this lost world!
On 11 March 1970, at 10:30 a.m., YOU FATHER let YOUR DIVINE LADY , YOUR HOLY QUEEN,
Who took the name of” MAMMA LUCIA” as HER earth name, come down from HEAVEN to us,
once again and for the last time, just for HER ENDLESS LOVE to mankind,
as SHE IS THE REAL MOTHER OF EVERYBODY!
SHE lived with us lots of years as THE GREATEST EXEMPLE OF LOVE SACRIFICE,
like JESUS, who still dies whenever we sin, and we still sin!
That’s why we have to bear the HOLY CROSS day by day until DEATH!
SHE taught us how to be YOUR TRUE SONS, how to love YOU MY LORD really
and our needy brothers and sisters. SHE showed us what PARADISE is like!
SHE asked YOU FATHER for all kind of help for anyone
who believed and still believes in HER because SHE IS ALWAYS ALIVE!
But we little realized of YOUR GREAT DESIGN about HER and
our SALVATION that SHE was going to offer everybody,
suffering because of our miserable faith and hard hearts!
But now , MY GOD, with deep repentance, forgive us, forget our INGRATITUDE!
Please, give us another chance and let OUR MOTHER’S MERCY
finally purify our souls in order to offer them
to the SACRED HEART OF YOUR BELOVED SON JESUS,
because we cannot live without YOUR LOVE, we cannot die without YOUR PARDON,
Just for the only reason that WE BELONG TO YOU FOR EVER!

 

TRADUZIONE IN ITALIANO

PREGHIERA A DIO PADRE
In questi giorni bui e con i cuori pesanti,
ci inginocchiamo dinanzi a TE PADRE ETERNO, MADRE ETERNA,
e VI chiediamo perdono, poiché è a causa dei nostri peccati
che vediamo tante pene e sofferenze in questo mondo smarrito!
L’11 marzo 1970, alle 10:30, TU PADRE hai lasciato che la TUA DIVINA SIGNORA, LA TUA SACRA REGINA, che ha preso il nome di MAMMA LUCIA, come nome terreno, scendesse dal Paradiso ancora una volta e per l’ultima volta soltanto per il SUO AMORE INFINITO verso l’umanità, poiché LEI E’ LA VERA MADRE DI TUTTI!
Ha vissuto con noi molti anni come IL PIU’ GRANDE ESEMPIO DI SACRIFICIO D’AMORE, come GESU’, che ancora muore ogni volta che pecchiamo, e noi ancora pecchiamo!
Questo è il motivo per cui dobbiamo portare la SANTA CROCE
giorno dopo giorno fino alla morte!
LEI ci ha insegnato come essere VERI FIGLI TUOI, come AMARTI VERAMENTE, MIO SIGNORE, e amare i nostri fratelli e sorelle bisognosi. Ci ha mostrato come è il PARADISO!
Ha chiesto a TE PADRE ogni sorta di aiuto per chiunque ha creduto e crede ancora in LEI, perché LEI E’ SEMPRE VIVA!
Ma noi poco abbiamo compreso del TUO GRANDE DISEGNO SU DI LEI e sulla salvezza che stava per offrirci, la sofferenza a causa della nostra misera fede e dei nostri cuori induriti!
Ma adesso, MIO DIO, con profondo pentimento, PERDONACI,
dimentica la nosta Ingratitudine!
Dacci TI PREGO, un’altra opportunità e consenti alla MISERICORDIA DELLA NOSTRA MAMMA di purificare infine le nostre anime, per offrirle al SACRO CUORE DEL TUO AMATO FIGLIO GESU’!
Perché noi non possiamo vivere senza il VOSTRO AMORE
e non possiamo morire senza il VOSTRO PERDONO!
per la sola ragione che da sempre APPARTENIAMO A VOI.

Testimonianza di Ciro Di Vuolo di Scafati (Salerno)

Pace a tutti sono Ciro Di Vuolo di Scafati (Salerno), sono qui che vi scrivo per Lodare e Glorificare sempre più forte la Grandezza della nostra adorata Mammina della Luce che ha avuto pietà di questo misero peccatore donandogli la Grazia della vita.
Il giorno 07/07/2020 alle ore 13:00 sono uscito da lavoro per recarmi, con la mia bici, a casa per la pausa pranzo essendo il mio lavoro situato a Scafati nel mio stesso paese di residenza, lavoro donatomi sempre per Grazia ricevuta dalla Mamma.
Infatti, appena proclamata la pandemia l’11 di marzo, licenziato senza motivo il 14 dall’azienda che era ricorsa alla clausola dei tre mesi di prova previsti dal contratto indeterminato stipulato a dicembre, in quei giorni come faccio sempre avevo chiamato Casa Santa per salutare la Dimora di Dio e la Santa sorella che mi ha risposto confortandomi per il momento terribile che stavamo vivendo per la pandemia, mi chiese se stessi a lavoro, le risposi che ero stato licenziato e lei immediatamente mi disse di non preoccuparmi perché ci avrebbe pensato sempre la Mamma. Infatti, Mamma è immediatamente intervenuta, ed in piena pandemia dove tutto crollava, mi ha fatto arrivare una notifica sul mio telefonino di un’azienda del mio paese che cercava una figura che svolgesse la mia professione. Immediatamente ad aprile sono stato assunto e dal nuovo datore di lavoro ho appreso che la richiesta a cui avevo risposto era molto vecchia e lui stesso era meravigliato di come mi fosse pervenuta ora, ma io in cuor mio conoscevo la risposta, la Mamma di tutte le Grazie, nell’Immenso suo dolore nel vedere i frutti raccolti da un umanità distrutta dal proprio peccato, aveva avuto tempo per pensare a questo Suo figlio peccatore donandogli nuovamente un posto di lavoro.
Erano tre giorni che avevo deciso di non prendere la macchina per andare al lavoro e di recarmi in bici visto le buone giornate d’estate. Non nego che in questi 3 giorni dentro di me una Voce mi sussurrava di stare attento perché sulle strade succedono tante sciagure, così durante il tragitto da casa a lavoro mi affidavo come sempre alla Mamma affinché accompagnasse il mio cammino e recitavo le preghiere d’Amore che la Mamma ci ha insegnato.
Il giorno 7, uscito da lavoro come citato sopra, facendo il segno della Santa Croce e con la preghiera della Mamma sulle mie labbra, mi sono messo in bici per tornare a casa per la pausa pranzo, compiuti appena 800 metri dal posto di lavoro, un Ape car a tutta velocita, proveniente da una strada laterale, guardando solo sul suo lato sinistro, svoltava a pieno gas a destra sulla via principale prendendomi inesorabilmente di colpo frontalmente senza aver avuto il tempo di frenare. L’impatto è stato violento, la bici è andata a finire sotto all’Ape car ed io ho battuto fortemente la testa sulla sponda alta dello stesso scaraventandomi a terra. Immediatamente senza accorgermi, mi sono ritrovato in piedi, frastornato in una maschera di sangue che colava dalla mia fronte, chiamavo aiuto rivolgendomi al conducente dell’Ape car che fatto una piccola retromarcia per togliersi da sopra alla bici, si è dato alla fuga. Sembrava che sognassi e vivessi un incubo, barcollavo appoggiandomi su di una transenna che delimitava un vecchio palazzo in restauro e continuavo a chiedere aiuto spostandomi dalla faccia un liquido caldo che mi copriva tutto il viso, era il mio sangue che sgorgava abbondantemente. Sono accorse alcune persone da un cortile vicino dove avevano sentito il forte rumore dell’impatto, mi hanno fatto sedere su di una sedia e coperto la testa con una asciugamani sulla profonda ferita grondante di sangue. Ero sorprendentemente sempre desto e sempre più lucido da chiamare subito con il mio cellulare che avevo nel marsupio ancora a tracollo, Casa Santa raccontando il tremendo avvenimento in corso, poi chiamando la mia compagna affinché mi raggiungesse sul posto dove attendevo l’arrivo dell’ambulanza. Circa 10 minuti dopo è arrivata l’ambulanza che mi ha portato all’ospedale di Nocera Inferiore, il medico sia del 118 che poi del pronto soccorso erano increduli per la dinamica dell’incidente e mi continuavano a chiedere come mi sentivo e se accusavo dolori alla testa o al corpo, ma io niente, non accusavo nessun tipo di dolore. Dopo la cucitura con 8 punti della ferita, mi hanno fatto tutti gli esami strumentali: eco addome e tac; grazie a Mamma è andato tutto bene. Così, con un trauma cranico e lacerazione frontale, con una frattura di un incisivo, con i vestiti pieni di sangue sono stato dimesso senza accusare nessun dolore. Il giorno seguente sono andato con la mia compagna sul posto per ascoltare i testimoni e recuperare la bici distrutta. Le persone che mi avevano soccorso il giorno prima, accorati manifestavano le loro impressioni di essere stati testimoni di un grande Miracolo perché per loro, per la dinamica dell’incidente e per come avevo battuto la testa, dovevo avere una sorte molto diversa che non ho avuto grazie alla mia Madre Celeste che aveva tramutato una sicura sciagura in una delle Sue Grandissime Grazie. Grazie che Lei elargisce tutti i giorni ed in ogni momento ai figli nel bisogno e che a Lei si affidano.
Grazie Mamma, quel momento me l’hai fatto vivere tutto come se non fossi io ad essere stato investito, mi hai mantenuto cosciente dal primo istante rimettendomi immediatamente in piedi e facendomi uscire tutto quel sangue che se fosse rimasto internamente, per la fortissima botta presa, avrei avuto una sicura emorragia interna. Mi hai protetto la testa facendola diventare un blocco di acciaio che pur avendo subito il tremendo impatto non ha avuto nessuna conseguenza inesorabilmente grave. La profonda lacerazione, Miracolosamente è avvenuta a pochissimi centimetri dalla tempia e dall’occhio, posizioni letali per l’intensità dell’impatto avuto. Si è fratturato il dente davanti, l’incisivo, senza che né il labbro, né il naso, né la faccia avesse un solo graffio, non so come sia possibile, ma ancor di più non mi hai mai fatto accusare neanche un minimo dolore di testa dopo questo trauma cranico. Mi hai fatto scudo con il Tuo Santissimo Manto facendomi uscire da un tremendo incidente frontale con la bici, senza nessuna lesione grave e senza alcuna frattura.
Cari fratelli e sorelle, Eccola l’Immensità di Dio che ha camminato in mezzo a noi e che continua inesorabilmente a stendere il Suo Santissimo Manto Celestiale per proteggere tutti i figli dai continui attacchi da parte del nemico antico che perditore dinanzi alla Potenza della Donna Vestita di Sole, invano attacca il Frutto della Gloria di Dio che con la Sua Immensa Potenza si pone a protezione dei figli Suoi che nulla hanno da temere perché Cullati e protetti dal Cuore Immacolato di Maria Lucia. Grazie Madre Mia Santissima, senza di Te saremo tutti finiti, ma il Tuo Cuore di Madre strappa continuamente Grazie al Padre nostro Creatore che pieno di Amore e Gioia è sempre pronto e felice di accontentare la Sua Sposa e Madre e salvare i figli della Sua Creazione. Fratelli e sorelle di tutto il mondo, vi esorto con tutto il cuore ad innamorarvi di Colei che ci è Vera Madre e che per nostra Salvezza è voluta scendere Lei in Persona sulla terra per preparare i figli per questi ultimi tempi. Lei è la Vita ed il Respiro della nostra Anima, non si può vivere e né salvarsi senza di Lei, solo Lei è la Chiave per aprire la porta del Cuore di Dio per far scendere il Perdono del Padre e ridare nuova vita a questa umanità distrutta dal peccato. Amiamola con tutte le nostre forze, Lei nel Silenzio segue ogni nostro passo e prima che possiamo chiamarLa in nostro Soccorso, Lei già è arrivata con la Grazia nelle Sue Sante Mani.
La Grazia, che Lei continuamente elargisce a tutti i Suoi figli, ha bisogno che trovi quel gancio per attaccarsi e fiorire “LA FEDE”, chiediamo sempre a Lei che è Madre della Fede di infiammare i nostri cuori del Suo Immenso Ardore d’Amore di Dio, in modo che tutti possano godere delle Sue Santissime Grazie e non farle ritornare al Padre, divenendo così, nell’ora del nostro ritorno a Dio, prove della nostra grave mancanza di fede. L’uomo nei dolori ha sempre incolpato il Padre che è Solo Amore per i figli, ma è la nostra gravissima mancanza di fede e di amore verso Dio Padre e Dio Madre che permette al nostro peccato di colpirci, sono solo i nostri peccati, ecco perché la Mamma si strugge invocando e supplicando i figli di tornare all’Amore del Creatore che ci è Vero Padre e che continuamente è crocifisso, sacrificandosi insieme a Lei Sua Dilettissima Sposa e Madre nostra che tutta si è consumata per noi, solo per la salvezza dei figli.
Mamma tenerissima Ti Amo, Ti ho sempre Amata e per tutta l’eternità voglio solo Amarti, Glorificarti e Lodarti, chi non crede al Tuo grande Amore è solo un pazzo e cieco, per questo il mondo se ne va’ perché sono tanti i pazzi e i ciechi che al Vero Amore preferiscono le tenebre del proprio peccato e la morte eterna. Io voglio essere solo pazzo di Te Mammina dolcissima e del Padre nostro Creatore che ci hai insegnato ad Amarlo con tutte le nostre forze, solo così non si è mai pazzi ma figli della Gloria di Dio, figli della Luce, il Popolo di Maria che insieme a Lei, Regina delle Vittorie, sconfiggeranno la morte e il peccato.
Con infinita gratitudine e Amore, Tuo per l’Eternità, Ciro del gruppo di preghiera di Santa Maria la Carità.

Maria Lamacchia di Matera

Il giorno 26 – 07 – 2020 è San Anna Madre della Beata Vergine Maria Concepita per Opera dello Spirito Santo, Protettrice dei partorienti, di tutte le creature che portano con Grande Gioia il Bel Fiore del Creato. Per questo Santo giorno prepariamoci con il Nostro Spirito, Lodiamo Dio Padre e Dio Madre. Mammina cara e Padre nostro Creatore con il Vostro Pronto Soccorso dello Spirito Santo Soccorrete tutte le creature che devono dare alla Luce la Santa Creazione di Dio. Ti Ringraziamo Nostro Caro Padre Celeste di averci donato sulla terra la Nostra Cara Mamma Bene di Dio. Per tutte le creature che daranno alla Luce il loro piccolo, Invocate con Fede e con la preghiera dell’Anima il Padre Celeste e la Cara Mamma Luce. Baci Abbracci al Nostro Caro Padre Dio, alla Nostra Cara Mamma la Stella che Brilla sul Gargano, a tutti i Fratelli e Sorelle di Casa Santa, dai figli Vincenzo, Bruna, Maria Lamacchia di Matera.

Testimonianza di Vincenzina Poli di Ascoli Piceno

È mezzanotte del 19/07/2020,  è il mio compleanno, sono arrivata ai miei 60 anni e non so perché ma mi sento emozionata, forse perché ripenso a te mia custode che non ci sei più, oggi il mio ricordo va a te quando mi raccontavi le sofferenze nel darmi alla luce e la grazia ricevuta per aver scelto di partorire in ospedale e non in casa, dove probabilmente non saremmo sopravvissute per le complicazioni avute.
Ma ancor di più.. Il mio pensiero va a Te… Padre e Madre Celesti… Per avermi donato la Vita e non una ma tante volte!!
Quante volte, infatti, ho rischiato la vita e Voi Siete Stati sempre al mio fianco per aiutarmi.
Ricordo benissimo quella sera che Vi ho visto a casa: mentre ero alla guida per tornare nella mia abitazione ho avuto un mal di testa forte e tanta confusione, poi non ricordo più nulla e non so, né dove ho vagato, né dove ho lasciato la macchina, mi sono trovata a casa senza capire cosa facevo, mi sono seduta quasi cadendo sulla poltrona e mi sentivo come una candela che si stava spegnendo… Vedevo davanti al tavolo Tre persone vestite di bianco che mi guardavano ed io le chiamavo per nome.. Mamma Lucia, nonna, mamma Livia (la mia custode). Loro mi guardavano ed io ripetevo il loro nome mentre le mie figlie mi dicevano che non c’era nessuno davanti a me, ma io insistevo incredula che non riuscissero a vederLe!
Poi arrivò il 118 e fui ricoverata diversi giorni in ospedale, ma il mio pensiero era rimasto a casa dove vedevo sempre queste tre donne vestite di bianco…
Quante volte mi hai salvata Padre mio, quante Grazie ho ricevuto da Voi tramite Mamma Lucia, la più grande Grazia è averTi conosciuta Mamma, a volte non mi rendo conto, perdonami Mamma, per tutte le volte che Ti trascuro, quante cose ci hai insegnato, Sei la Maestra e la Guida più Grande che ci sia, ogni Tua Parola oggi è impressa nella mia mente, grazie Mamma!!!
Oggi desidero tanto abbracciare la mia custode e i miei nonni, Mamma pensaci Tu per me, ma il mio più grande desiderio è di tornare a Casa Santa, Unico Luogo di Pace, Fratellanza e Preghiera, dove si vedono le stelle più luminose, si ode il canto degli uccellini in mezzo ai Pellegrini e si gioisce nel Sorriso e nell’Amore dei Fratelli e Sorelle di Casa Santa, ci si Ristora del Profumo del Santo Pane e della dolcezza dei biscotti e quella Musica… Che le sorelline offrono a noi con il violino intonando l’Ave Maria, oggi Mamma io la offro a Te!!! Grazie Mamma della Vita, Mamma dell’Amore, Mamma Luce!! Tua Figlia Vincenzina di Ascoli Piceno

Antonella Menchetti di Arezzo

Cari fratelli e sorelle del mondo intero, vi confesso che questo brutto momento di “lockdown” eccetto il grande dispiacere di non poter andare a Casa Santa e il grande dolore che sta raccogliendo l’umanità per i troppi peccati commessi, per me è stato un momento di “grazia” perché mi ha permesso di meditare e ripensare a tutti gli insegnamenti di Mamma, la nostra dolce Mamma che ci aveva preparato per tempo a “questo tempo”. Avevo 24 anni la prima volta che ascoltai il Suo richiamo e mi recai a Casa Santa (40 anni fa) e già allora la Mamma ci preparava a tutto ciò che stiamo vivendo oggi, supplicando tutta l’umanità a fare un grande pentimento con la remissione dei propri peccati per non raccogliere tutti questi grandi dolori, malattie, carestie, catastrofi e distruzioni, tutto frutto dei troppi peccati del mondo terrestre. Tanti si sono allontanati da Lei dicendo: “sono tanti anni che Lo dice ma non succede niente”. Stolti a non capire che i tempi di Dio non equivalgono ai nostri perché Lui nel Suo infinito Amore e soprattutto per le Suppliche della Mamma ci ha “dato tempo”. Quel “tempo” ora è arrivato e una delle tante frasi consolatrici dette da Mamma è stata: “siete come un donna in travaglio che sente tanto dolore prima della grande gioia della nascita del bambino”. Questo è un grandissimo messaggio di speranza che ci deve far affrontare questo brutto momento con forza e determinazione, mettendo in pratica tutti i Suoi Santi insegnamenti di Amore e Carità, tenendo accesa la Fiammella della Fede da Lei Donataci per poter ottenere il Santo Perdono di Dio. Dobbiamo essere ” i Suoi guerrieri di Pace e di Amore, figli della Luce” ed implorare che una piccola Luce della Sua Santa Luce penetri nei cuori di tutta l’umanità, in chi vive nelle disperazioni e nelle tribolazioni dove hanno appoggiato la loro speranza nei castelli illusori lontano da Dio e dai Suoi Santi Disegni di Salvezza e adesso raccolgono il crollo delle vanità e delle falsità della terra. “La Verità vi renderà liberi” ha detto Gesù e Lui si è Incarnato e Sacrificato per noi per renderci liberi, liberi dal peccato, dal grande ingannatore del mondo il cui intento è sempre stato illuderci per poi gettarci nella disperazione e nell’oblio. Così per questi ultimi e dolorosi tempi Dio Padre, come Immenso ed Ultimo Atto di Amore, ci ha Donato la Vergine Santissima, la Sua Sposa che ha voluto prendere un Corpo, Mamma Lucia, per portare Luce nel cuore degli uomini per prepararli all’incontro con il Padre che è di ritorno. 40 anni fa io chiedevo a Mamma cose di questo mondo, soprattutto una stabilità economica perché è sempre stato un mio problema. Mamma mi disse “non ti preoccupare, il pane non ti mancherà mai”. Vi potete immaginare a 24 anni cosa pensai di quella risposta, dicevo tra me “ma come, chiedo più tranquillità economica e Lei mi dice così”. Io ringrazio tanto Mamma perché “mi ha spogliato ” piano piano delle cose del mondo, mi ha insegnato a vivere alla giornata e la ringrazio perché non mi ha fatto mai mancare “il pane quotidiano ” come mi aveva detto tanti anni fa. Sono felice perché ho capito che basta veramente poco per vivere e come disse Gesù “agli uccelli e gli animali il Padre non fa mancare il loro nutrimento e voi per il Padre siete molto più importanti di loro”. Gesù E’ IL PANE DELLA VITA , il nostro compito da buoni “guerrieri di Mamma” è di farLo conoscere. Come San Giovanni Battista  era una Voce che gridava nel deserto ed annunciava il Salvatore”, così noi dobbiamo gridare nel deserto dei cuori degli uomini ed annunciare a tutti la Buona Novella dell’ultima Apparizione della Mamma a Sesto San Giovanni (MI), scesa in mezzo a noi per portare a compimento i Disegni di Salvezza del Padre nostro Creatore. La Rosa del Paradiso che si è tutta consumata per noi per portarci tutti nel Cuore del Padre. Accettiamo la nostra piccola croce terrena e gridiamo al mondo che l’unica cosa a cui noi dobbiamo temere e di perdere la nostra Anima. La Mamma e il Padre ci hanno promesso che torneranno nella Gloria per il “Nuovo Mondo ” di Pace e di Amore, dove gli agnelli pasceranno con i leoni e LORO SONO FEDELI ALLE LORO PROMESSE. Spero tanto che presto potremo ritrovarci a Casa Santa per pregare insieme ai fratelli e sorelle di Santità ed implorare dicendo tutti insime: “Mammina pensaci Tu”.
Pace e amore a tutti, Antonella Menchetti di Arezzo.

Ilde Ciarlante da Isernia (Campobasso)

RITORNO ALLA VITA
Dopo tanto peregrinare sono giunta
infine alla tanto agognata meta!
La vedevo nei sogni, era lì, mi aspettava,
ero un’altra persona, così mi vedevo!
Allora mi svegliavo, felice e appagata,
poiché avevo visto la sua esistenza!
Ma subito dopo l’immagine svaniva,
diveniva un ricordo come tanti altri,
scomparsi per sempre nell’oblio dell’ inconscio!
Giacché il giorno, con la sua cruda realtà,
dileguava ogni traccia di tale vissuto
e insieme la gioia e poi la speranza!
Dolore, penitenza, sofferenza e preghiera,
erano compagne del mio quotidiano,
costanti e fedeli, senza tregua o favori!
TU mi guardavi in silenzio, il viso serio, espressivo,
come di qualcuno che invita a resistere, aspettare!
Sembrava dicesse: non temere, era scritto, doveva accadere!
Non mi hai lasciata mai sola, eri con me lo sentivo,
asciugandomi il volto da tante lacrime e sudore!
Soffrivi anche TU, però mi sostenevi!
Ed io ero forte perché ci credevo!
Ho compreso allora che cos’ è l’Amore!

————————————-

L’AMORE
L’amore che non è radicato nel cuore è come una pianta senza radici che presto si secca.
Non è questo l’Amore del Signore.
L’amore che si nutre di facciata e di apparenze o convenevoli formalità e cerimoniosi slanci emotivi e adulazioni,
Non è questo l’Amore del Signore.
L’amore che è attaccamento viscerale morboso nato da profonde frustrazioni e insoddisfazioni
o narcisistiche compensazioni scaturenti da gelose possessività,
Non è questo l’Amore del Signore.
L’amore che è passione carnale di bassi istinti e desideri irrefrenabili derivanti dalla ricerca inconscia di effimeri piaceri egocentrici,
Non è questo l’Amore del Signore.
L’amore che si veste di ipocrita generosità per il proprio tornaconto, vanità e vanagloria,
Non è questo l’Amore del Signore.
L’amore che è strumentalizzazione opportunistica di bisogni e necessità contingenti,
Non è questo l’Amore del Signore.
L’amore ricco in parole, iperboli , esagerazioni o atti eclatanti di visibilità,
Non è questo l’Amore del Signore.
L’Amore del Signore nasce dallo Spirito e non dalla carne. E’ umile, forte, taciturno, sincero, fedele, pacifico, immutabile, universale, di egual misura verso ogni creatura. E’ fatto di teneri sguardi e dolci sorrisi. E’un sentimento nobile che ha sede nell’Anima e si nutre della Parola di Dio e della Sua Sapienza. L’Amore è Bontà e la Bontà è Integrità Morale. L’Amore vero è gratuito, nulla chiede ma tutto dà, è gioia di donare e donarsi, e cercare sempre il bene altrui anche se costa sacrificio!
Questo è L’AMORE DI DIO:
L’Amor che move il sole e l’ altre stelle”
(Dal Paradiso: canto XXXIII , verso 145, ultimo verso della Divina Commedia di Dante)

Con Tutto l’Amore alla mia dolcissima MAMMA DELL’AMORE VERO, LA MAMMA DELL’AMORE DI DIO, Tua per sempre Ilde da Isernia.